venerdì 30 giugno 2017

Un... due... tre... dolce! Crema di latte di mandorle

    Quanta voglia di un bel dessert leggero e rinfrescante, in questi giorni di calura fornacesca di inizio estate? Tanta. No, deppiù.
    E quanta voglia di stare ai fornelli? Poca. Pochissima. Ancora demeno.
    Ecco allora un dolcetto al cucchiaio che da solo:
    • richiede pochissima cottura a fuoco molto basso
    • non contiene né uova né grassi di alcun genere
    • si addolcisce con pochissimo zucchero di canna
    • è fatto col latte di mandorle, che è buono e contiene calcio e altre sostanze preziose
    • è vegano e adatto a celiaci (occhio all'amido di mais! che riporti la scritta SENZA GLUTINE!) e agli intolleranti al lattosio
    • è fresco e appagante

    Vi basta questa lista di motivi per persuadervi a provarlo? Io l'ho fatto, dopo averlo visto presentato qui, e ne sono rimasta estasiata. E' davvero un dessert che consumi volentieri e a cuor leggero, perché oltre ad essere buono e rinfrescante, è proprio leggero di suo. E si prepara in uno ZOT!
    Se, come me, non vi fate mai mancare in casa il latte di mandorle, fatevi un giretto con questa ricetta. Ne rimarrete estasiati anche voi 😉
    Dosi per 6 bicchierini:
    • 1/2 litro di latte di mandorle bio e non zuccherato
    • 40 g di amido di mais bio
    • 50 g di zucchero di canna jarabe
    • 40 g di granella di mandorle per decorare e dare consistenza
    Mescolare insieme l'amido e lo zucchero in una casseruola e, in un altro recipiente, scaldare il latte di mandorle, senza portarlo ad ebollizione. Versarlo quindi a filo su amido e zucchero, mescolando con una frusta per non far formare grumi.
    Rimettere tutto sul fuoco e far addensare, continuando a mescolare con la frusta per non far attaccare sul fondo.
    Quando la crema si sarà addensata al punto giusto, toglierla dal fuoco e coprirla con la pellicola alimentare a contatto. Far raffreddare completamente. Io ho fatto ben stiepidire e poi passato in frigo per tutta la notte.
    Con la crema ormai fredda e rassodata, riempire un sac-à-poche e fare un primo strato nei bicchierini. Cospargere con la granella di mandorle, quindi coprire con un altro strato di crema e finire di guarnire col resto della granella (vedi sotto, altri suggerimenti per la guarnizione).
    Rimettere i bicchierini in frigo e tenerceli fino al momento di servirli.


    Alternativamente, si può pensare di guarnire con altro, nel qual caso però, potrebbe non essere più indicato per vegani e intolleranti al lattosio, ed i celiaci dovranno fare attenzione alla scelta di ingredienti senza glutine.
    Per esempio, si può preparare un crumble alla mandorla, o un croccante alla mandorla frantumato. Oppure si possono sbriciolare degli amaretti, ma in questo caso bisogna cospargerli solo all'ultimo momento, che se stanno troppo a lungo a contatto con la crema, perdono la croccantezza, che invece è quel che vogliamo per creare un gradevole contrasto in bocca.
    Oppure... qualunque cosa vi suggerisca la vostra fantasia!


    Ultima puntata del tentativo di cena romantica che Simon ha cercato di preparare alla sua fidanzata... cosa si sarà inventato Simon's Cat, stavolta???

    Nessun commento:

    Posta un commento

    LinkWithin

    Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...