martedì 24 gennaio 2017

Risotto coi ceci... quasi etnico!

Le minestre di legumi sono una vera coccola d'inverno, nei giorni di gran freddo, oltre ad essere nutrienti e salutari. Cerco sempre di tenere a disposizione una quantità di zuppa di ceci, piuttosto che di fagioli o lenticchie, perché li amo molto, sia così al naturale, come semplice zuppa, che in combinazione con altri ingredienti.


Come, in questo caso, col riso. Ho in dispensa questo mix di vari risi, che in combinazione coi ceci che, come si sa, sono molto impiegati anche nella cucina nordafricana e mediorientale, mi hanno permesso di ottenere una minestra che è una sorta di punto d'incontro tra un nostro risotto e un piatto etnico.
L'ho gradito molto. Se lo volete provare, ve lo consiglio.


Per 2 porzioni:
  • 160 g di mix di riso a grana lunga Gli Aironi
  • una bella mestolata di ceci lessati e aromatizzati con aglio e rosmarino
  • 100 g circa di ceci lessati e ridotti in purea
  • 500 ml di brodo di cottura dei ceci, oppure parte brodo di ceci e parte brodo vegetale
  • un po' di vino bianco
  • olio evo, aglio e rosmarino
  • una spolverata di curcuma

Mettere i ceci ammollo per almeno una notte, quindi lessarli in acqua abbondante salata, con alcuni spicchi d'aglio e un rametto di rosmarino. Io ho fatto in 15 minuti con l'Acticook.
Tenere 1/2 litro del loro brodo di cottura in caldo, e frullare col minipimer la parte di ceci da ridurre in purea.
Triturare uno spicchio d'aglio con un piccolo rametto di rosmarino e mettere a rosolare nella risottiera, aggiungere il riso e farlo tostare. Sfumare col vino bianco e portare a cottura col brodo di ceci (o mix brodo di ceci/brodo vegetale).


Quasi a fine cottura, aggiungere i ceci, sia la purea che la mestolata di ceci interi, e far finire di cuocere insieme.
Assaggiare e aggiustare di sale se necessario.
Impiattare e servire con un giro d'olio evo a crudo e una spolverata di curcuma (e peperoncino piccante, se gradito).


A quanto pare, Simon's Cat non è l'unico micione ad avere problemi con l'aspirapolvere...


6 commenti:

  1. Piatto interessante. Ho tutti i "risi" ma da confezioni diverse. Chissà se sono in conflitto con i tempi di cottura. :/
    Gatti e aspirapolvere? o_O
    Buon inizio settimana e scusa se ho scelto questo post per lasciarti un saluto ma mi intrigava la ricetta. ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia. Sono contenta che questa ricetta ti intrighi, perché a me piace davvero molto e l'ho già fatta diverse volte, con l'assoluta approvazione della nutrizionista che mi segue da un po'.
      Ovviamente, il riso basmati cuoce prima degli altri tre, ma secondo me la cosa è voluta, per creare in bocca un delizioso contrasto tra il morbido/cremoso del basmati e il croccante degli altri tre risi. Quello che non so è in che proporzioni sono calcolati i quattro tipi di riso, se sono in misura eguale o una preponderanza di uno sugli altri, o una scala a decrescere. Questo è l'unico rischio che vedo nel farsi un mix autogestito.
      Se lo provi poi fammi sapere che ne pensi. Grazie della visita ;-)

      PS: ma quella testa rossa nell'avatar è la tua???

      Elimina
  2. Risposte
    1. Eh, ma mò sei tornata bionda... deciditi1!! :-D

      Elimina
    2. ma che ne so che combino co' sti profili! 😤 Comunque attualmente sono ancora rossa.😜

      Elimina
    3. Comunque è forte, la testa rossa dico.
      E' una tonalità di rosso molto... rosso, ecco!!! :-)
      Grande Silvia :-*

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...