lunedì 7 novembre 2016

Pancake al farro e gofio

Ecco di nuovo il gofio. Ve lo ricordate, vero? L'avevo usato la prima volta per fare i polvorones, poi per fare questi biscotti speziati che s'ispiravano in parte agli Anzac biscuits. Questa volta, ho voluto provarlo nelle pancake.


La quantità di gofio sul totale farine è veramente minimo. Non ho voluto osare di più perché volevo che le pancake avessero giusto un sentore del gusto tostato, tipico di questa farina. Temevo che se il gusto tostato fosse prevalso, non avrei riconosciuto il sapore familiare delle mie pancake.
Il risultato è stato molto soddisfacente... le pancake si sono arricchite di una sfumatura in più, che ben si sposava con le note melassa dello zucchero di canna e il sapore inconfondibile dello sciroppo d'acero.


Complessivamente, direi che sia una valida variazione al tema, che merita anche altri tentativi di sperimentazione, ad esempio, con un pizzico di cannella o di zenzero.
Nulla è cambiato nel procedimento per fare le pancake, che avevo già descritto qui, e anche gli ingredienti sono pressoché gli stessi e nelle stesse dosi. Ho solo aumentato di poco il latticello, perché farro e gofio assorbono parecchio i liquidi, per cui l'impasto finale risulta essere troppo denso.
Senz'altro da replicare, io le ho già fatte 4 volte! :-D 

 
Impasto per 4-5 pancake di circa 10-12 cm di diametro:

  • 100 g di farina debole, tipo 0 bio macinata a pietra
  • 30 g di farina di farro bio macinata a pietra
  • 20 g di gofio
  • 10 g di zucchero (di canna grezzo)
  • 1/2 cucchiaino di cremor tartaro
  • 1/4 di cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • 1 pizzico di sale
  • 250 g di latticello (in mancanza, il surrogato autoprodotto, oppure latte)
  • 1 uovo
  • 40 g di burro

Per cuocere:
  • poco olio di semi
Per servire:
  • burro
  • sciroppo d'acero
Non sto a riscrivere come farle, l'ho già fatto ampiamente in questo post ;-)

    E ora, vediamo a che punto è l'amicizia tra La Gatta e i Pipistrelli Senior e Junior...

    4 commenti:

    1. Carissima ma quanta soddisfazione mi stai dando con le tue sperimentazioni sul gofio! Purtroppo non puoi dire lo stesso di me, spero un giorno mi perdonerai. :(((
      Azzardo un abbraccio ^_^

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Silvia :-)
        Non ti preoccupare, dopotutto ti ho travolta io con qualcosa che neanche mi avevi chiesto, è più che comprensibile che tu non abbia il tempo, o la voglia, o la motivazione di usarle. Non hai niente da farti perdonare ;-)
        Gradisco l'abbraccio e lo ricambio :-*

        Elimina
    2. Beh lo sai no che sono da tempo sono quotidianamente travolta dagli eventi. :D:D

      RispondiElimina
      Risposte
      1. E infatti, ti ci mancavano solo le farine abruzzesi :-)

        Elimina

    LinkWithin

    Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...