sabato 8 agosto 2015

Fettuccelle di farro alla bottarga di muggine

Questa pasta alla bottarga è sorprendente, per bontà e per velocità e semplicità di preparazione, e ben si sposa con questo formato di pasta, le fettuccelle di farro Terre dell'Oasi, su cui vorrei spendere due parole.
Terre dell'Oasi è un progetto del WWF, le cui parole chiave sono agricoltura e conservazione della natura, paesaggio e sviluppo sostenibile, dedicato alle attività produttive presenti nelle aree protette gestite dall'associazione. La loro missione è quella di considerare la Terra un'oasi da salvare, e che è possibile farlo anche a tavola se il cibo, come l’olio, la pasta, il riso, il miele biologici provengono da aree protette, come le Oasi WWF. Ecco, queste fettuccelle di farro bio sono un prodotto di trasformazione da coltivazioni sviluppate proprio all'interno di queste oasi protette. Il consumo di questi prodotti è, dunque, un regalo che facciamo a noi stessi e all'ambiente. Da pensarci su, la prossima volta che andrete a comprare la pasta. Ah, io questa l'ho trovata in vendita all'Ipercoop, quindi non bisogna neanche andarla a cercare chissà dove! ;-)


E dopo l'intermezzo consigli per gli acquisti (che, lo ricordo, sono del tutto disinteressati e dettati solo dalla mia esperienza positiva, dato che ho liberamente scelto di tenermi libera da qualsiasi forma di sponsorizzazione), ecco la ricetta, tanto facile quanto buona.


Per 2 porzioni:
Mettere i pomodorini e rinvenire in acqua per almeno una mezz'oretta. Scolarli, tamponarli per togliere l'eccesso di acqua e tagliarli a striscioline.


Passare l'aglio allo spremiaglio e metterlo a rosolare, senza farlo imbiondire, coi pomodorini in una padella con olio evo. Aggiungere un po' d'acqua di cottura della pasta e far ammorbidire i pomodorini, insaporendo con una grattatina di sale di Cipro e una macinatina di pepe.
Mettere il pangrattato, circa un cucchiaio colmo, in un altro padellino a tostare. Sarà pronto quando il colore virerà sul nocciola.
Lessare le fettuccelle, scolarle al dente e saltarle nella padella coi pomodorini, aggiungendo ancora un po' di acqua di cottura se troppo asciutte.


Aggiungere il pangrattato e mescolare. Impiattare e su ogni porzione spolverizzare circa mezzo cucchiaino di scorza d'arancia essiccata e una generosa grattata di bottarga a scaglie.

Mi sono accorta, non senza una certa meraviglia, che non avevo ancora postato il video di Drive All Night, una delle canzoni più belle del Boss... forse perché per me sono tutte belle ;-)


6 commenti:

  1. Ciao ,
    questa ricetta la proverò senza alcuna modifica.....magari già qui al mare!! amo la bottarga!! e sono curiosa di provare questa pasta a me sconosciuta ;-)
    Un abbraccio
    Simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simo bella! Piace anche a te la pasta con la bottarga? E' troppo buona, gnam! gnam!
      Speriamo che la trovi questa pasta, è buonissima. Se sì, poi fammi sapere se t'è piaciuta. Ci sono anche altri formati, gli spaghetti e diversi tipi di pasta corta. L'unica mia perplessità è che siccome vengono fatti con i grani coltivati nell'Oasi WWF locale, forse si trovano solo in Abruzzo :-(
      Fai buona vacanza al mare, te la meriti proprio! :-*

      Elimina
    2. ieri sono passata da una bancarella al mercato di Chiavari e c'erano fettuccine di farro di un pastificio locale, ho preso quelle....poi guarderò alla coop!!e ti dirò....però ci sono andata lunedì e nn penso di andarci a breve....ho fatto spesa x famiglia Bradford....

      Elimina
    3. Sono sicura che le fettuccine di farro che hai trovato tu vadano benissimo... buon appetito! ;-)

      Elimina
  2. Che bontà.....me le sono fatte a pranzo, proprio sfiziose!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, hai proprio ragione, sono una bontà!
      Avevi anche la scorza d'arancia in polvere? se no, ti consiglio di farla, è una scemenza: mangiati le arance, biologiche, mi raccomando! e metti le scorze a seccare sui radiatori. Quando sono belle asciutte e incartapecorite, con un macinino le riduci in polvere, che conserverai chiusa in un vasetto di vetro, in frigo.
      Una punta di cucchiaino ti trasforma letteralmente una pastasciutta come questa ;-)

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...