sabato 14 febbraio 2015

Cucinare con l'Acticook: l'arrosto farcito

E finalmente, ho fatto anche l'arrosto nella pentola a pressione. E' da tanto che ci pensavo ma, vuoi perché finivo sempre per essere distratta da qualcos'altro, vuoi perché non sono una gran consumatrice di carne, continuavo sempre a rimandare.  Finalmente, complice la necessità di prepararlo per un pranzo, mi sono decisa a sperimentarlo col mio fantastico Acticook.


Devo dire che il risultato mi ha particolarmente soddisfatta: in 50 minuti dal bip bip di inizio cottura, ho ottenuto un arrosto ben saporito, tenero e cotto a puntino, ben condito con la salsina ottenuta frullando il fondo di cottura.
Una risorsa davvero preziosa, da tenere presente ogni volta che si vuol avere un arrosto gustoso, non avendo molto tempo per cuocerlo al forno, secondo i canoni tradizionali.
Andando nel dettaglio, questo arrosto era, in particolare, una fetta di copertina di vitello con un ripieno, arrotolata, legata e cotta con odori, vino e acqua. Niente di troppo originale, quindi, ma molto molto buono nella sua semplicità. Ovviamente, è realizzabile anche con la pentola a pressione tradizionale, forse con qualche minuto di cottura in più.


Per l'arrosto (peso finale 1,2 kg circa):
  • 800 g di copertina di vitello
  • 2 salsicce
  • sedano e carota
Per la cottura:
  • 1 carota grande
  • 3 coste di sedano
  • 1 cipolla medio-grande
  • 2-3 spicchi d'aglio
  • 3 foglie di alloro
  • 1 ecodose di vino bianco (ricordo che un'ecodose equivale a 250 ml)
  • 1 ecodose di acqua
  • olio evo, sale grosso

Cercare di procurarsi, per quanto possibile, un pezzo di carne di provenienza locale, da allevamenti a km 0, possibilmente biologici.
Distendere la fetta di copertina sul piano di lavoro, spalmarci su le salsicce private della pelle e disporvi la carota e il sedano tagliati a listarelle. Arrotolare ben stretta e legare con lo spago da cucina. Meglio ancora se si ha la possibilità di metterla in rete.
Coprire il fondo dell'Acticook con l'olio evo, adagiarci la carne da arrostire e iniziare a rosolarla. Nel frattempo, fare una dadolata con cipolla, sedano e carota e aggiungerli alla carne, insieme agli spicchi d'aglio e alle foglie di alloro spezzettate. Far rosolare bene il tutto, la carne deve dorare su tutti i lati.
Infine, aggiungere l'acqua e il vino, salare, incoperchiare posizionando la leva di chiusura su 2 (cottura carne) e puntare il timer a 50 minuti. Far andare a fiamma alta, quindi abbassarla al minimo dal bip bip e l'avvio del countdown del timer.
A fine cottura, far sfiatare gradualmente il vapore, togliere il coperchio e lasciar andare ancora un po' la carne per farla dorare e per far evaporare l'eventuale eccesso di liquido. Quindi, col frullatore a immersione, frullare tutto il fondo di cottura fino a ottenere una salsina, da eventualmente aggiustare di sale e pepare a gusto.


Affettare l'arrosto con un coltello a lama liscia ben affilata, dopo averlo privato dello spago, e servire con la sua salsina.
Eh sì, più lo uso questo Acticook, e più me ne innamoro!

E' San Valentino, e anche Simon's Cat è innamorato, e parte alla conquista della sua altezzosa principessa, ma... noblesse oblige!!! :-)

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...