giovedì 18 dicembre 2014

Torta di mandorle con solo albumi

    Io sono già in paranoia albumi. Quest'anno ho iniziato a fare panettoni prima del solito, e già ne ho fatti diversi perché ho deciso di includerli nelle mie ceste-regalo di prodotti homemade. Insomma, in poco tempo, mi sono già ritrovata con un surplus di albumi conservati in freezer.
    Perciò ho deciso che non avrei aspettato la fine delle feste natalizie per trovare il modo di reimpiegarli, ma avrei cercato di smaltirli man mano che mi si accumulavano, anche perché lo spazio nel freezer mi serve per altro, non posso riempirlo di bicchierini con gli albumi!


    Di idee per riutilizzare gli albumi ne ho già postate diverse nel tempo, molte delle quali anche per realizzare pietanze salate come sformati di verdure, o anche per la pasta fresca, però ogni nuovo spunto è benvenuto, e dunque stavolta mi sono cimentata in una ricetta nuova per me, una bella torta... una Signora Torta, devo dire. Una meraviglia di bontà e raffinatezza che ho intercettato sul blog Colazione da Jo. Già solo con questa torta, ho potuto smaltire ben 7 albumi, e scusate se è poco! Il nome originale di questo dolce è Torta ai bianchi d'uovo dell'Agnese, che né io né Jo conosciamo. Tuttavia, pur riconoscendo a codesta persona la maternità della ricetta, mi sono permessa di chiamarla con un altro nome.


    Ho seguito le dosi alla lettera, tranne che per pochi dettagli: Jo usa la farina autolievitante, io quella normale con 8 g di lievito in polvere per dolci e una punta di cucchiaino di bicarbonato di sodio. Al posto della vaniglia ho usato la mia essenza d'arancia homemade e ho aggiunto anche una fialetta di aroma mandorla, per accentuarne il gusto.
    Tutto impastato col Ken e cotto in una tortiera di silicone di 23 cm di diametro, che può anche essere di poco inferiore se si desidera una torta un po' più altina.

    • 7 albumi
    • 245 g di zucchero fino tipo Zéfiro
    • 140 g di farina di mandorle
    • 133 g di farina
    • 8 g di lievito per dolci
    • una punta di cucchiaino di bicarbonato
    • 133 g di burro fuso e fatto raffreddare
    • 1 fiala di aroma mandorla
    • 2 cucchiai di essenza d'arancia homemade
    • mandorle a lamelle per decorare

    Nella ciotola dell'impastatrice, con la frusta a filo, montare a neve gli albumi con lo zucchero, e quando il tutto è bello gonfio, incorporare a filo l'aroma mandorla e l'essenza d'arancia.
    Cambiare la frusta a filo con quella a K (foglia) e aggiungere la farina di mandorle un cucchiaio alla volta, tenendo l'impastatrice alla velocità minima. E' importante non far smontare la massa. Fermare l'impastatrice e staccare l'impasto dalle pareti della ciotola.
    Riavviare e aggiungere la farina setacciata col lievito e il bicarbonato, sempre un cucchiaio alla volta, e sempre a velocità minima. Di nuovo, fermare e staccare l'impasto che rimane appiccicato alle pareti della ciotola.


    Infine, aggiungere a filo il burro fuso fatto freddare, mantenendo sempre la velocità bassa.
    Quando tutto il burro è stato assorbito, alzare un po' la velocità e far montare un paio di minuti.
    Versare nello stampo, spolverizzare con le mandorle a lamelle e infornare nel forno preriscaldato, facendo cuocere per i primi 10 minuti a 200° statico, e per i restanti 35 minuti a 160° ventilato. Io ho abbassato a 150° a 10 minuti dalla fine perché la superficie era già ben colorita.


    A cottura ultimata, si raccomanda sempre di fare la prova stecchino, far freddare, sformare sulla tortiera e spolverizzare con zucchero a velo.
    Una torta veramente deliziosa, bella soffice e umida. E del resto, si sa che le ricette di Jo sono sempre una garanzia di bontà e buona riuscita... grazie Jo! 

    Certo che, a Natale si possono fare degli incontri strani assai...


    12 commenti:

    1. FINALMENTE!!! Non vedevo l'ora che pubblicassi la ricetta di questa meraviglia!!!
      Adoro le torte da credenza, c'è poco da fare e questa mi fa venire una voglia di fare il ratto della fetta..!! :-)))
      Ma che bello riuscire a mettere addirittura i panettoni home-made nei cesti regalo. Io riesco a malapena a farne uno da chilo per me e famiglia ^_^
      Un grande abbraccio!!
      P.S.: interessante anche il pasticcetto di broccoli con albumi :-P

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Riccia! Che stress comunque, fare i panettoni da regalare... già fare il panettone mette anZia, immagina tu farne tanti per darli in giro! Non so se l'anno prossimo ripeterò l'esperienza :-S
        Un grande abbraccio puratté!

        Elimina
    2. E' bellissima la tua versione, anch'io quando faccio la torta mi invento qualche aroma diverso; è un dolce che si presta molto ai vari sapori.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ciao Jo, è vero, il dolce si presta a essere aromatizzato in vari modi. E' buonissimo e delicatissimo, a dispetto della quantità di burro che non è proprio pochissima, ma che, devo dire, non appesantisce affatto. Penso che lo rifarò perché ho mangiato molto a malincuore l'ultima fetta ;-)
        Ancora grazie per aver condiviso la ricetta... buona giornata!

        Elimina
    3. Lo so non lo dovrei dire, ma prima di leggere il post, mi sono rimessa in pari coi video del gattone. :D

      Mi sa che questa è la prima torta, per smaltire albumi, che mi attira veramente. Bella idea grazie! Ora però dovrò pesare un albume per capire che peso ne hanno 7 dato che li ho congelati tutti insieme e non so più quanti siano. :)))

      A presto...tempo permettendo. :*

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Video del gattone: ne passerà ancora uno, quello degli auguri per le feste... poi ci rivedremo... boh! quando cucinerò qualcosa di buono ;-)
        Certo che, per gli albumi, ti ci vorrà un punteruolo da ghiaccio! Ora ti dico come faccio io: per un periodo di tempo non ho buttato via i vasetti degli yogurt, li ho lavati e riposti. Quando mi avanzano gli albumi, li metto nei vasetti, ce ne metto 1, oppure 2, oppure 3, e li etichetto col numero di albumi contenuti. Quando mi servono, tiro fuori tanti vasetti quanti sono necessari. Oppure devo provare un altro sistema che mi ha suggerito un'amica: congelarli nei sacchetti usa-e-getta per il ghiaccio. Quando mi servono, peso la quantità di cubetti necessari. In questo modo, occupano anche meno spazio nel congelatore, che i vasetti dello yogurt sono pratici, ma ingombranti ;-)
        A presto sì, per gli auguri... baci8! :-*

        Elimina
    4. Quella dei sacchetti del ghiaccio la trovo geniale. Nel frattempo che parlavamo di albumi mi è tornata in mente una ricetta che ho trovato buonissima e che ti fa smaltire etti di albumi. Questa, non so quante volte l'ho fatta e mai una dose sola!
      In questo blog trovi anche la foto dei miei biscotti ;)

      Bacio

      RispondiElimina
      Risposte
      1. AAAARRRRGGGHHHHH!!!!!!! Li conosco benissimo quei biscottini, nel senso che una collega mi diede la ricetta per farli anni fa (sì sì, ho scritto proprio ANNI!!!) e sta ancora lì, ancora non mi decido a farli!!! Sono 'na sòla??? Puoi dirmelo... dimmelo dimmelo... SONO 'NA SOLA!!! :-D

        Elimina
    5. Ahahhahaahhaahahhahah!!! Ok...lo sei! Ahahhahahahaah!

      RispondiElimina
      Risposte
      1. ahahahahahah pure io facevo così con gli abumi, nei vasetti di plastica riciclati coi tappini trasparenti, e ci scrivevo sopra 2-3-4-5, poi però quando li riutilizavo per la fretta non cancellavo e scrivevo sotto o sopra ancora 3-4-5, poi a volte per la fretta mi dimenticavo di scrivere... insomma, un casino!
        Concetta, passo ora o mai più, spero di riuscire a chiamarti almeno una volta in vita mia! magari se riesco a fare qualche giorno di ferie e i miei aguzzini si distraggono un paio di minuti e mezzo di chiacchiera riusciremo anche a farla :))))
        intanto ti mando un bacio qui, è troppo che non lascio un segno del mio passaggio, chessòio una scia di lumaca, una risata da capra, una minchiatina che si sente un robaintelligente...
        BACIONE!!!!! :)

        Elimina
      2. Grazie cara, ti ho scritto in privato, a te e alle tue socie ;-)

        Elimina

    LinkWithin

    Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...