martedì 11 novembre 2014

Cucinare con l'Acticook: spezzatino di vitello con porro e patata dolce

Un po' di tempo fa ho preso le patate dolci. Così... le ho viste, già belle pesate e confezionate, e istintivamente le ho prese e messe nel carrello. Poi, una volta a casa, mi è sorta la domanda "e ora come le faccio?"
Bella domanda... bisognava mettersi alla ricerca di una ricetta :-)


Intanto, preciso che le patate che ho trovato io sono quelle a pasta bianca, perché leggendo in giro, ho imparato che non esiste un tipo solo di patata dolce, e che molto spesso le diverse varietà si distinguono proprio per una sensibile diversità di colore. Oltre ad essere a pasta bianca, le mie hanno forma allungata e sono appuntite alle estremità, e discretamente bitorzolute.
Comunque, cerca che ti cerca, alla fine ho trovato una ricetta che mi avrebbe permesso di usare, oltre a una parte delle patate dolci, anche lo spezzatino di vitello che avevo nel congelatore. La ricetta prevede la cottura separata dei 4 ingredienti principali (carne, patate tradizionali, patate dolci, porro) che poi vengono riuniti e passati tutti in insieme nel forno.


La fonte è il blog Spizzichi & Bocconi, da cui mi sono allontanata un po' per alcuni aspetti, in parte per costrizione (non disponibilità dell'ingrediente), in parte per scelta. Nel trito per il soffritto ho dovuto omettere il sedano perché non ce l'avevo, e per lo stesso motivo ho omesso anche il basilico fresco (che, a ben pensarci, forse non avrei messo neanche se l'avessi avuto). Anziché il garam masala, ho usato il tandoori masala, perché quello avevo (che poi, sono entrambi mix di spezie più o meno simili). Ho omesso altresì di aggiungere il miele d'arancio, la crusca e il formaggio stagionato grattugiato, perché il tutto mi sembrava già sufficientemente saporito così.


Rimando perciò al blog linkato per chi volesse conoscere la ricetta originale.
  • 500 g di spezzatino di vitello da allevamento biologico
  • 6 piccole patate novelle bio
  • 2 patate dolci medie
  • 1 porro bio (circa 10-12 cm)
  • 1 cipolla piccola, 1 spicchio d'aglio e un pezzo di carota (ci vorrebbe anche una costa di sedano, io non ce l'avevo), tutto bio
  • 1 cucchiaino di insaporitore vegetale
  • alcune foglie di salvia fresca bio
  • cognac
  • 1 ecodose (250 ml) di acqua
  • una spolverata di tandoori masala (garam masala nell'originale)
  • olio evo e sale
La carne l'ho cotta nella pentola Acticook, ma si può usare qualsiasi pentola a pressione, come pure la cottura in pentola tradizionale. Far soffriggere nell'olio il trito di carota, cipolla, aglio (e sedano). Aggiungere la carne e far rosolare, bagnare col cognac (circa 20 ml) e far evaporare. Aggiungere l'ecodose di acqua, l'insaporitore e la salvia, mescolare, incoperchiare e far cuocere 20 minuti dal bip-bip.


Pelare le patate dolci e cuocerle al vapore, quindi tagliarle a dadini e tenerle da parte.
Pelare le patate novelle e cuocerle in forno a 180° statico con un po' d'olio evo e sale.
Affettare sottilmente il porro e farlo rosolare leggermente in padella, portando a cottura con un po' d'acqua, la salvia e un pizzico di sale.


Riunire tutto nella pirofila delle patate cotte, spolverare col tandoori masala e mescolare, quindi ripassare di nuovo il tutto in forno a 180° statico per 20 minuti.
Molto molto gustoso e deliziosamente speziato, davvero non ho sentito la mancanza degli altri ingredienti suggeriti che ho preferito omettere.

The Ghost of Tom Joad
Questa ballata commemora uno dei momenti più drammatici della storia americana moderna, la Grande Depressione che risultò dalla crisi del 1929, e che gettò nella disperazione migliaia di famiglie appartenenti alla middle-low class operaia e contadina dell'epoca. Tom Joad è il bellissimo personaggio protagonista del romanzo The Grapes of Wrath (Furore, in italiano) di John Steinbeck, a cui il Boss si è ispirato per comporre questo brano struggente.

 

3 commenti:

  1. praticamente un'altra ricetta!!!!! eheheheh! Scherzo!!! ;-)))) ma sai che non sapevo che il "quartìn" si chiamasse "ecodose"?!?!?!?!? grazie!!! ho imparato qualcosa di nuovo!!! Ma 'ste patate dolci alla fine che sapore hanno? ti hanno convinta? Un bacione e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-DDDDD sai cosa? certe volte, leggendo le ricette che trovo in giro, ho un po' la sensazione che si voglia "strafare" con l'uso degli ingredienti. Tipo in questo caso, per me il miele e il formaggio sarebbero stati veramente di troppo, per non dire inutili, se si considera che lo speziato del tandoori (o garam) masala è talmente prepotente che tende a sovrastare su tutto il resto.
      In quanto all'equazione ecodose=quartin, io ci andrei cauta al posto tuo... ecodose ha un senso in combinazione con l'acticook, perché ti fa misurare la dose esatta di liquido necessaria a una cottura "a risparmio energetico". Se provi a ordinare una ecodose di vino in osteria, di sicuro ti guarderebbero storto!!! :-DDDDDDDDD
      Comunque sì, la patata dolce alla fine m'è piaciuta, tant'è vero che l'ho usata anche in un'altra ricetta che passerà a breve ;-)
      Buona giornata e bacione anche a te!

      Elimina
    2. ah beh sì in effetti se il tandoori masala è prepotente allora miele e formaggio avrebbero solo appesantito il piatto senza dare un valore aggiunto al sapore.
      ahahahah ma tu lo sai, vero, che se eviterò di chiedere un'ecodose in osteria sarà solo perché io ne mando giù di + e non x la paura che mi guardino storto?!? ;-)))
      m'hai convinta: s'ha da prova' sta patata ;-) tauuu

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...