martedì 8 luglio 2014

Bietole costa al pomodoro

    E' da un po' che non posto un contorno di verdura, vero? Sì, mi sa che è passato del tempo. E' giunta l'ora di provvedere.


    Come già raccontato altrove, mi capita spesso di non saper come cucinare le bietole costa. Cioè, per meglio dire, so come cucinarle, ma il più delle volte mi manca la fantasia per variarle. Va bene olio e limone, va bene ripassate in padella con aglio olio e peperoncino, ma dopo un po' stufano!
    Stavolta mi sono ricordata di come le faceva spesso mia zia, ossia in padella col pomodoro. L'unica differenza, mentre lei le lessava prima e poi le saltava in padella, io le ho fatte stufare direttamente nel pomodoro, perché erano davvero poche... una volta pulite, saranno state sufficienti per due porzioni di contorno, quindi tanto valeva buttarle direttamente nel pomodoro e far stufare tutto insieme.
    Vi dirò, sono venute anche più saporite, perché tutto quel che normalmente si perde con la cottura in acqua, in termini di gusto e nutrienti, stavolta è rimasto tutto lì.
    Per questo ho pensato che fosse una dritta che valeva la pena di condividere ;-)
    • 300 g di bietole costa bio già pulite e tagliate
    • 6-8 pomodorini datterino bio in conserva (o freschi, se è la loro stagione)
    • 2 spicchi d'aglio
    • un paio di acciughe sott'olio
    • peperoncino piccante q.b. (io un piri piri)
    • olio evo, sale

    In una padella antiaderente abbastanza capiente, far rosolare l'aglio, il peperoncino e le acciughe nell'olio.
    Quando l'aglio è dorato e le acciughe si sono sciolte, aggiungere i datterini tagliati a metà con un po' della salsa in cui sono immersi, se si usano quelli in conserva (i miei sono quelli presi l'anno scorso al GAS del pomodoro in conserva, davvero ottimi). Far cuocere qualche minuto mescolando.
    Aggiungere le bietole costa pulite e tagliate, salare, mescolare, incoperchiare e lasciar stufare fino a cottura.
    Io le lascio un po' croccantine, soprattutto se sono quelle fresche del GAS, appena colte, dal campo alla tavola!

    Il ruggito di Minnie...


    GROAAAR! non ci provare neppure! la verdura mangiatela tu!!! io sono una felina, e sono carnivora... VOGLIO LA CICCIA, GROOAAARRR!!!

    6 commenti:

    1. Ahahahahhah! Ammazza che soffiata! Sia quella di Minnie che quella delle coste stufate
      nel pomodoro!
      Tempo fa addirittura ci ho fatto una parmigiana, (le biete però le avevo prima lessate e poi ripassate, ché mica avevo ancora letto il tuo post). Sai che è veramente buona? Provala se ti va!

      Un abbraccio!

      RispondiElimina
      Risposte
      1. E che bellissima pure la tua di soffiata! La parmigiana di bietole costa, ci puoi giurare che la provo! Al prossimo giro di bietole, sarà mia! Ovvio che le bietole dovranno essere più abbondanti, sennò che stamo affà? a pettinà le bambole??? ;-)
        In quella foto, Minnie era sul chi vive... c'era Alex che si aggirava in stato di agguato, sicuramente voleva farle qualche dispetto. Lei in quel momento era allo scoperto e, non sapendo dove nascondersi, ha iniziato a soffiargli contro... mi veniva da ridere perché pareva quasi che lui la fissasse con aria di compatimento! Minnie che soffia non fa paura a nessuno, ahahahahah!!! :-D
        Un abbraccio pure a te!

        Elimina
    2. Io che di verdura non son mai sazia..., questa ricettuzza non posso non provarla, anche perché alle bietole con il pomodoro non ci avevo mai pensato lo sai????
      E penso che ci aggiungerò anche una bella spolveratina di peperoncino...
      Ihhihihhhihihihihiihihihiiih :DDDDDDDDD

      Grazie per questo goloso contorno ;))

      p.s. la tua miciotta che ruggisce mi somiglia... ahahahahhaahahahhahahahahahahha
      bella lei... (io un po' meno!!!)

      RispondiElimina
      Risposte
      1. C'è c'è! c'è anche il peperoncino, eccome! Un piripiri (quello che ho messo io) ha un grado di piccantezza che può andare da 100.000 a 350.000 gradi della scala Scoville... tanto per darti un riferimento, il peperoncino calabrese, che è considerato il più terribile tra gli autoctoni, sta sui 15.000 Shu.
        Insomma, il piripiri (detto anche African Devil) non è il Trinidad Scorpion, ma non scherza manco lui! ;-)
        Ma tu, quando ruggisci, almeno metti un po' di paura, o sei come Minnie che non mette paura a nessuno??? :-*
        Ciaaooo!!!

        Elimina
      2. Ahahahahahahhahahahahhah Minnie...
        Si metto paura!!!!

        Quanto al peperoncino... sono sincera: nonostante i quttr'occhi mi era sfuggito... :// sorry!!
        Il piripiri non lo conoscevo manco di nome...
        Quando ci vediamo sai che facciamo???

        Un bel paninazzo con il peperoncino..., un sorso di amaro alla genziana..., e poi siamo come il draghetto Grisù che sputa fuoco!!! :DDDDDDDDDDDDD

        Elimina

    LinkWithin

    Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...