martedì 11 febbraio 2014

Marmellata di kumquat. Versione 2.

La versione 1 l'avevo fatta l'anno scorso, più o meno sempre di questi tempi. Era venuta molto buona, non solo a detta mia, ma di tutti quelli che l'avevano assaggiata. Una marmellata profumata, con un sapore che sa di fresco. C'era solo un aspetto che mi aveva lasciato alquanto scontenta, ed è che non ero riuscita a farla addensare come avrei voluto. Avevo confidato nel fatto che, essendo un agrume, avrebbe avuto pectina a sufficienza per raggiungere un grado di gelificazione ottimale, ma non è stato esattamente così.
Quindi, quest'anno ho voluto replicare, ma intervenendo con un piccolo aiuto per favorire la gelificazione. E giacché c'ero, ne ho fatta anche un po' di più, visto il successo che ha ottenuto.

  • 1,280 kg di kumquat (peso al netto dello scarto)
  • 640 g di zucchero semolato (metà del peso della frutta)
  • 1 busta di fruttapec 2:1
  • acqua q.b.
L'operazione più noiosa, ovviamente, è lo snocciolamento. Perciò, meglio mettersi l'anima in pace, metter su della buona musica sullo stereo e lasciarsi trasportare dall'immaginazione, o sennò il tempo non ti passa più.
Ogni kumquat va tagliato almeno in 4, o anche di più se si vuole. Una volta snocciolati e tagliati tutti i frutti, metterli nella pentola in cui si andrà a fare la marmellata e coprirli con acqua fresca, a filo. Lasciar riposare almeno per una notte.


Il giorno dopo, mettere la pentola sul fornello, portare a ebollizione e lasciare che il tutto restringa e diventi, all'incirca, la metà. Si noterà che le scorze dei frutti saranno molto ammorbiditi.
Miscelare lo zucchero col fruttapec, quindi versare nella composta, mescolare e far sciogliere bene.


Riportare a ebollizione, quindi calcolare dai 3 ai 5 minuti di bollitura a fuoco lento, mescolando, in modo da sentirla addensare. Volendo, si può anche fare la prova della goccia sul piattino, per vedere in quanto tempo si rassoda, ma di solito i tempi che ho dato vanno più che bene, quando si usa il Fruttapec.
Invasare bollente, incoperchiare e capovolgere i singoli vasetti, e far raffreddare completamente.
So che c'è, in giro, una sorta di ostilità verso il Fruttapec da parte di molti. Io stessa ci ho messo un po' prima di decidermi ad usarlo, e comunque, non sempre ma solo in determinate circostanze, ossia quando voglio ottenere il giusto punto di gelificazione, senza far alterare colore, profumo e gusto della marmellata. Perché se ne può dire tutto il male di questo mondo, ma il Fruttapec ha questo grosso vantaggio, che con una cottura breve, non si rischia la caramellatura dello zucchero, e la marmellata mantiene un sapore più "vero".
E per concludere dolcemente, una delle più belle canzoni d'amore che siano mai state scritte, perché i rocker non urlano solamente ;-)

15 commenti:

  1. Ma..., ma..., ma....!!!

    Minpi sei tu??????????? :-OOOOO

    Bello il nuovo nome ce hai scelto per il tuo blog!!!!!
    E buona la marmellata di kumquat...!!

    Adoro le marmellate di agrumi e a questa non avevo mai pensato, sai???
    A dire il vero qui dalle mie parti non è che ne veda moltissimi in giro...:///

    Grazie per averla condivisa virtualmente con noi; domattina sogno di potermela gustare su una bella fetta biscottata!!
    Bacio grande :**

    p.s. bellissima questa canzone di Bruce :))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria Teresa, benvenuta alla mia prima commentatrice del mio blog nuovotitolato. Ti confesso una cosa: il nome che gli avevo dato mi è sempre stato sulle palle! Il fatto è che, all'inizio, ho aperto il blog senza sapere bene cosa farne, se tenerlo, renderlo pubblico, dargli fuoco... per questo gli ho affibbiato il primo nome che m'è venuto in mente, sempre con la promessa che mi sarei fatta venire in mente qualcosa di meglio, prima o poi. Qualche giorno fa, l'illuminazione... e se gli dessi un titolo che sintetizzasse le mie tre passioni? ed ecco com'è venuto fuori il nuovo titolo, che è un po' una versione addomesticata del più dannato "Sex and Drugs and Rock 'n' Roll" :-D Ovviamente, questo presuppone che, oltre alle ricette, passeranno anche piccole chicche feline e/o bruceiane, di cui il video è un primo esemplare.
      La marmellata di kumquat è una delle mie preferite, rognosa da preparare per via di tutti quei semini da togliere, ma il risultato ripaga ampiamente la scocciatura. Anche qui non sono facili da trovare, generalmente sotto le feste di Natale, infatti è allora che li compro e faccio la marmellata.
      Bacione pure a te!

      Elimina
  2. E pensare che invece io rimasi colpita anche dall'altro nome!!!

    Muffin's for all mi dava proprio l'idea di una padrona di casa davvero Speciale, quale tu sei!!!

    A presto...:)))

    RispondiElimina
  3. Quoto quoto quoto, il nuovo titolo!!!

    Vado a vedere che faccia ha questo frutto, giuro di non averlo mai sentito :)))

    p.s. ma people of my mind, è in anno sabbatico?

    Ciao :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia, sono felice che ti piaccia il nuovo titolo del blog. Del resto, per il rock non so, ma per i gatti so che abbiamo un filo che ci accomuna, e pure per il cibo ;-)
      Il kumquat forse lo conosci di più col nome "mandarino giapponese". Sono quegli agrumetti piccoli piccoli che si mangiano tutti interi, si mettono sotto alcool... quelli che crescono su piante che spesso vengono usate a scopo ornamentale. Sono sicura che appena vedrai le foto, capirai di cosa si sta parlando ;-)
      People on my Mind è uno spazio dove scrivo quando qualche volta ho dei flash, o provo nostalgia, o semplicemente mi sovviene il ricordo di qualcuno che, in qualche modo, ha segnato la mia vita. Diciamo che è un po' che non trovo ispirazione. Il che non significa che non abbia altri ricordi, solo che questi non mi danno lo spunto necessario a scrivere qualcosa di significativo ;-)
      Bacione, buon weekend!

      Elimina
  4. Ecco, fatto figuraccia, ignoravo il nome, ma il frutto lo conoscevo benissimo :)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti può consolare, ne avevo regalato un vasetto a mia cugina la quale, un po' di tempo dopo mi chiama e mi fa "mamma mia che buona che era quella marmellata con quel nome strano!"
      "... "
      "Sììì dai, quella che suona come kumet... kumtqualcosa... "
      "Ahhhh, KUMQUAT!!! Teré, quello è il mandarino giapponese!!!"
      "Ahhhhh, e dicevo io che il sapore mi era familiare!!!"
      LOL!!! :-D

      Elimina
  5. Con te colleziono figuracce a go go!

    Spesso scrivo dal cel, il quale decide arbitrariamente cosa scrivere. Sotto, la lista.

    Una volta ti ho chiamata minipeppex :)))
    Ho scritto of invece di on.
    Come dici tu conosco i kumquat come mandarino giapponese :D:D

    Buon weekend a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figuracce?!? Figurati, sei in ottima compagnia, ahahahahah!!! :-D

      Elimina
  6. Ahahahaah mi consolo sì!

    Comunque con te colleziono figuracce a go go!

    Spesso scrivo dal cel, il quale decide arbitrariamente cosa scrivere. Sotto, la lista.

    Una volta ti ho chiamata minipeppex :)))
    Ho scritto of invece di on.
    Come dici tu conosco i kumquat come mandarino giapponese :D:D

    Buon weekend a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia, chissà se sei ancora iscritta ai commenti a questo post? Vabbé, mò ci provo, questa te la devo raccontare perché è troppo bella!
      Stamattina parlo al telefono con una alla quale avevo dato da provare alcuni vasetti di marmellate varie. Mi fa "buonissime, tutte! ce le siamo sbafate, ma ce n'è piaciuta una in particolare... quella di QUANTUM!!!"
      Ahahahahahahahahah... sto ancora a ridere!!! :-D

      Elimina
    2. SÌ che sono iscritta! Ed eccomi qui a ridere con te!

      Ahahahhahahahahahah

      Elimina
  7. ciao,
    era da un po' che non visitavo il tuo blog e mi sono sorpresa non trovandolo piu'.
    Poi cerca e ricerca ...
    Ben tornata

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...