martedì 21 gennaio 2014

Stringozzi alla zucca con crema di taleggio

E ci risiamo di nuovo con lo stesso problema che si ripresenta ogni anno, nel periodo natalizio, quando si rimette in moto la catena di produzione dei panettoni: e adesso, che minkia ci faccio con gli albumi che ho messo nel freezer?
Vabbé, senza lavorare troppo di fantasia, che in certi momenti anche quella viene pesantemente a mancare, e dato che non ci si può rimpinzare sempre e soltanto di dolci, la prima soluzione senza colpo ferire sono i soliti stringozzi umbri.


Stavolta li ho conditi con la zucca bio della GASsetta e il taleggio, e qualche dadino di prosciutto cotto, tanto per fargli venire il sorriso :-)
Per fare gli stringozzi vi rimando al post linkato qui sopra, come spessore sono arrivata alla tacca 3 dell'Imperia, quindi li ho lasciati piuttosto paccuti.
Per il condimento, occorre procurarsi:
  • 200 g di stringozzi
  • 150 g di zucca pulita
  • 100 g di prosciutto cotto a dadini
  • 50 g di taleggio
  • un 1/4 di cipolla media
  • uno spruzzo di vino bianco
  • sale, pepe nero al mulinello, una spolverata di estragone (dragoncello)
Tagliare il taleggio a cubetti.
In una padella antiaderente, far scaldare un paio di cucchiai d'olio e mettere a rosolare il prosciutto a dadini.
Aggiungere la cipolla affettata sottilmente e farla appassire, quindi sfumare con un po' di vino bianco.
Aggiungere la zucca tagliata a dadini anch'essa, salare, pepare, incoperchiare e far cuocere nel liquido che rilascerà. Quando sarà morbida e comincia a disfarsi, insaporire con una spolverata di estragone.


Aggiungere il taleggio e farlo sciogliere a fuoco lento, e nel frattempo lessare gli stringozzi, che non necessiteranno di una cottura lunga: saranno pronti quando tornano a galla.
Buttare gli stringozzi nel condimento e spadellare bene. Servire caldi con un'ultima macinatina di pepe su ogni porzione.

6 commenti:

  1. Che squisitezza!Non conoscevo questi stringozzi, sembra un formato di pasta molto goloso e perfetto per il sughetto con cui li hai conditi :) Ciao ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Meggy! Gli stringozzi sono davvero una grande risorsa quando hai degli albumi che ti avanzano, io li faccio spesso in quantità, poi li porziono in sacchetti alimentari e li congelo, così sono pronti all'occorrenza.
      Buona giornata!

      Elimina
    2. Io Amo gli stringozzi, hanno un sapore unico, callosi al punto giusto, e poi si legano con le creme una bellezza. Mi hai fatto venir fame :P

      Elimina
    3. Brava Iris, hai detto bene: hanno la giusta callosità ;-)

      Elimina
  2. Bel piatto da non dimenticare.
    Non li ho mai congelati, ma devo provare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jo, io congelo perché, essendo da sola, non metto tutto a soqquadro per impastare una porzione di pasta. Ne faccio un quantitativo per cui valga la pena mettersi all'opera e, ovviamente, tutto il di più poi lo congelo. Comunque, devo dire che si comporta molto bene: l'importante è passare direttamente dal freezer all'acqua bollente. La pasta si mantiene bella soda e al dente.

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...