sabato 2 novembre 2013

Cappelle di champignons ripiene

Quando trovo in vendita le cappelle di funghi champignons formato king size, faccio davvero una grande fatica a resistere alla tentazione di comprarle. Ovvio che, per le loro dimensioni, sarebbe un peccato mortale tagliuzzarle per farle trifolate. Direi che la morte loro sia sicuramente o alla griglia, con un condimento semplice e leggero, oppure ripiene al forno come le ho fatte stavolta.


Se le faccio ripiene così tuttavia, mi diventa faticoso vederle come contorno... molto meglio come secondo, o al limite come antipasto, un fungo per commensale, da servire insieme con altre stuzzicherie.
Il procedimento è semplicissimo. Io dò delle indicazioni di massima sugli ingredienti, quelli che ho usato stavolta, ma naturalmente, come ogni ripieno, anche questo si presta a tutte la variazioni che l'inventiva ispira.

  • 7-8 cappelle di funghi champignons belle grandi
  • una decina di cucchiai colmi di pangrattato
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • un paio di spicchi d'aglio
  • 2 acciughe dissalate e deliscate
  • una manciata di capperi strizzati
  • 1/2 cucchiaino di insaporitore vegetale (in mancanza, sale e pepe)
  • olio evo, sale
Pulire bene, ma delicatamente, le cappelle di funghi, dando una scorciata ai gambi che potranno essere triturati e messi nel ripieno, o usati diversamente, e mettere un pizzico di sale nella parte concava di ognuna.
Con l'aiuto di un mixer, triturare insieme prezzemolo, aglio, acciughe, capperi e l'insaporitore. Mescolare questo trito al pangrattato, sfarinando bene con la punta delle dita per fare in modo che il tutto si amalgami bene. Aggiungere olio, piuttosto generosamente, e mescolare ancora finché non si è distribuito bene.


Colmare le cappelle di funghi con questo composto, e adagiarle su una teglia da forno foderata con della cartaforno e leggermente unta con olio evo.
Colare ancora un filo di olio evo su tutti i funghi ripieni e infornare in forno preriscaldato a 190° ventilato, per circa 20 minuti, o comunque fino a doratura.


Squisite!!! Talmente carnose e saporite che io le chiamo la carne dei vegetariani e, a ben pensarci, se si evita di mettere le acciughe nel trito, le cappelle di funghi fatte così sono vegetariane a pieno titolo.

2 commenti:

  1. Ciao,
    ti scrivo per invitarti a ritirare una dolce sorpresa da me!
    Complimenti!
    a presto
    Elena di " Le ricette di Elena B."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena. Grazie per il premio e scusami se lo declino. Di solito evito di farmi coinvolgere in queste iniziative perché purtroppo non ho tempo di starci dietro.
      Tuttavia ti ringrazio molto per il pensiero e la gentilezza.
      Ciao!

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...