domenica 8 settembre 2013

Sbrisolona al farro con cuore di crema gianduia

Allora, metto subito la mani avanti prima che i puristi mi azzannino alla gola: lo so che questa non è la ricetta originale della sbrisolona mantovana. E' una ricetta che ho trovato in giro per il web, per l'esattezza qui, e che ho deciso di usare per finire un vasetto aperto di Crema cacao e nocciole Piemonte Venchi, da cui mancavano sì e no una cinquantina di grammi. La ricetta originale parla di usare la Nutella. Io, lo sapete, che la Nutella non la uso se non ob torto collo, ed ecco dunque la preferenza per il marchio Venchi, non foss'altro perché usa olio d'oliva invece del grasso saturo olio di palma che c'è nella Nutella.


Poi, mi sono presa un'altra libertà, cioè quella di sostituire metà quantità di farina bianca con la farina di farro integrale, e infine, non avendo scorza d'arancia, ho usato l'essenza che mi produco in casa.
E' buonissima, tanto tanto golosa. Comunque mi sono già procurata da una mantovana DOC, la ricetta originale della sbrisolona, e me la sono messa tra quelle da realizzare nel breve termine. Perciò seguirà, quindi restate sintonizzati ;-)


Intanto, nell'attesa, sgranocchiatevi quest'altra squisitezza.
  • 200 g di farina integrale di farro
  • 200 g di farina debole tipo 0
  • 160 g di zucchero semolato
  • 1 bustina di lievito
  • 1 pizzico di sale
  • 110 g di burro
  • 1 uovo
  • 2 tuorli
  • 1,5 cucchiai di essenza d'arancia (o la scorza grattugiata di 2 arance)
  • 300-350 g di crema cacao e nocciole Piemonte Venchi
Nella ciotola dell'impastatrice, con la frusta a K a velocità minima, miscelare le farine, lo zucchero, il lievito e il sale.
Tenendo bassa la velocità, aggiungere il burro a cubetti, l'uovo, i tuorli uno alla volta, e l'essenza (o la scorza).
Ne risulterà un impasto bricioloso, ma ben miscelato.


Imburrare e infarinare (oppure foderare con la cartaforno, come ho fatto io) uno stampo da crostata 21x21, e versare una metà dell'impasto, distribuendo bene ma senza pressare, e stenderci sopra la crema gianduia (se necessario, scaldare un po' a bagnomaria per renderla più fluida), quindi distribuire sopra il resto dell'impasto di briciole.


Cuocere in forno preriscaldato a 180° statico per 30 minuti, o comunque fino a doratura. Far raffreddare, sformare e tagliare a quadrotti.

2 commenti:

  1. mi piace questa versione rustica col farro deve essere ottima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura!
      E' davvero molto buona.
      Grazie di essere passata, buona domenica!

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...