martedì 16 aprile 2013

Quiche di cavolfiori e porri

    L'abbinamento porri cavolfiore non è una novità per me, ne avevo già parlato quando ho scoperto il favoloso kugel di quinoa e cavolfiore di Cavoletto di Bruxelles. Dato che in congelatore avevo ancora da far fuori un rotolo (l'ultimo!) di pasta sfoglia, e nella cassetta del GAS c'erano sia il cavolfiore che i porri, ho deciso di fare una quiche ispirandomi al kugel, omettendo la quinoa che non avevo, ma aggiungendo poco poco di aringa affumicata, giusto un filetto per dare un lieve sentore che servisse ad unire, senza sovrastare, l'armonia di sapori degli altri ingredienti.


    Niente panna. Lo so che di solito nelle quiche ci va la panna, ma io l'ho fatta un po' più light usando della ricotta bio. E comunque, una quiche a norma va fatta con la pasta brisée, quindi dato che usando la pasta sfoglia ero già fuori norma, mi sono concessa anche quest'altra licenza. Alla fine ho fatto una quiche in pectore, non a norma, ma buonissima lo stesso ;-)
    • 250-300 g circa di cavolfiore bio già lessato o cotto al vapore, piuttosto al dente
    • 1 porro bio
    • 250 g di ricotta bio
    • 2 uova bio
    • 2 cucchiai di parmigiano bio grattugiato
    • 1 filetto (50 g di max) di aringa affumicata
    • olio evo, sale, pepe al mulinello, semi di cumino, curcuma
    • 1 rotolo di pasta sfoglia

    Accendere il forno a 200° statico.
    Scaldare l'olio in una padella e farvi appassire il porro. Aggiungere il cavolo tutto tagliato in cimette, salare, pepare, dare una piccola spolverata di curcuma e far insaporire per pochi minuti. Lasciar raffreddare.
    Porre in una ciotola il cavolfiore e i porri freddi, la ricotta, le uova, il parmigiano, l'aringa a pezzettini, sale, pepe, cumino e altra curcuma. Mescolare bene.


    Srotolare e adagiare la pasta sfoglia in uno stampo da crostata, senza togliere la carta in cui è avvolta e che servirà a non farla aderire allo stampo.
    Versare il ripieno e livellare bene, rimboccando tutt'intorno la pasta sfoglia che eventualmente dovesse sbordare dallo stampo.
    Mettere in forno e dopo 10 minuti abbassare a 190° e azionare la funzione di ventilazione. Lasciar cuocere ancora per 15-20 minuti, fino a doratura.
    Sformare e servire possibilmente tiepido.

    Nessun commento:

    Posta un commento

    LinkWithin

    Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...