sabato 2 marzo 2013

Zuppa di fagioli tondini del Tavo

Ultimamente, col GAS promosso dall'Emporio Primo Vere, ho comprato questi fagioli tipicamente nostrani, i fagioli bianchi "tondino del Tavo". E sempre l'Emporio, sul proprio sito, offriva come spunto per la preparazione la ricetta di questa zuppa, presa dal blog Wasabi, di un'abruzzese trapiantata a Verona.


Una ricetta della nonna, che sa di antico, di tradizione locale. Certo, anche io ho una ricetta di famiglia (che poi, se vai a vedere, alla fine si somigliano un po' tutte), però ho voluto provare questa, e l'ho voluta fare nella mia stupenda pentola di argilla refrattaria, comprata sempre all'Emporio Primo Vere.


  • 250 g di fagioli tondini del Tavo
  • un paio di belle carote
  • 4 coste di sedano
  • 1 cipolla
  • 1 patata piccola
  • un paio di spicchi d'aglio
  • misto d'erbe aromatiche (io origano, timo, rosmarino, salvia, tutti freschi appena colti dalle piante)
  • 1 litro circa di brodo vegetale (io acqua calda e brodo granulare) (*)
  • sale, pepe nero al mulinello, olio evo
(*) Credo sia stato merito della pentola d'argilla refrattaria, ma i miei fagioli si sono cotti davvero in brevissimo tempo, assolutamente non le 3 ore di cui parla la blogger. Quindi per me un litro e poco più di brodo è stato più che sufficiente, ma se si usa un'altra casseruola, con questo tipo di fagiolo potrebbe essere necessario aggiungere ancora altro brodo durante la cottura.


Innanzitutto, mettere i tondini ammollo in acqua fredda per una notte.
La mattina dopo, pulire e affettare/tagliare a tocchettini piccoli cipolla, carote, sedano e patata e mettere il tutto a rosolare nella pentola con olio evo, gli spicchi d'aglio e le erbe aromatiche.


Scolare i fagioli aggiungerli alla base soffritta quando questa sarà completamente appassita, mescolare, lasciar tostare per pochi minuti e quindi aggiungere il brodo (o acqua + brodo granulare) fino a circa 3-4 dita oltre il livello raggiunto dai fagioli. Portare a ebollizione, quindi quando finalmente spicca il bollore, abbassare la fiamma al minimo, salare, pepare e portare a cottura col coperchio leggermente sollevato.


Come dicevo, a me ha richiesto circa un'oretta di cottura e non ho dovuto aggiungere altro brodo. Poco prima di spegnere la fiamma, ho tolto un paio di mestolate di fagioli e col frullatore a immersione li ho ridotti in crema, buttandola poi nuovamente nella zuppa e lasciando cuocere ancora qualche minuto per farla venire bella densa.
Impiattare e servire con un filo d'olio evo a crudo e una macinatina di pepe. E perché no? anche un po' di peperoncino piccante, se piace ;-)

4 commenti:

  1. Ma guarda che combinazione : sia te che io, abbiamo pubblicato una ricetta con i fagioli tondino >_<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah! buffa coincidenza davvero!!! :-D

      Elimina
  2. ho l'acquolina in bocca! è una minestra molto golosa e sicuramente anche la cottura nel coccio ha fatto il suo!

    RispondiElimina
  3. nuova follower complimenti per il blog se ti va seguimi ciao

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...