giovedì 4 ottobre 2012

Involtini di ovino brasati

Ho trovato questi involtini di ovino già pronti, prodotti e commercializzati da un'azienda locale con carne dei nostri pascoli, ed ho voluto provarli.
Dato che sono di ovino adulto (non li avrei mai presi se fossero stati d'agnello :-( ), necessitano di una cottura piuttosto lunga che ammorbidisca bene la carne, che altrimenti risulterebbe troppo dura rispetto alle classiche fettine di vitello che normalmente vengono impiegate per fare gli involtini.


Con questa premessa, ho voluto farli brasati, in modo da avere poi anche una bella puccia gustosa e saporita, ispirandomi a questa ricetta per cucinare il brasato al Barolo. Ovviamente non ho usato il Barolo... va benissimo anche un qualsiasi vino rosso bello corposo, ma avendo improvvisato il tutto in maniera molto estemporanea, ho usato un avanzo di un quarto circa di bottiglia di rosso Montepulciano d'Abruzzo, che da solo era troppo poco, quindi l'ho allungato con bianco Trebbiano d'Abruzzo. Gli altri ingredienti li avevo tutti, per cui alla fine è venuta una salsa molto saporita e profumata che ricorda molto, nel gusto e nel profumo appunto, il tapulone per condire la polenta.
  • 4 involtini di ovino (650 g circa)
  • 1 cipolla (io l'avevo rossa)
  • una bella carota
  • 2 coste di sedano
  • 70-80 g di lardo di Arnad (5 fettine)
  • vino rosso, quanto basta a coprire la carne con tutte le verdure
  • salvia, alloro, rosmarino, pepe nero in grani, cannella in polvere, noce moscata grattugiata, bacche di ginepro leggermente schiacciate, chiodi di garofano
  • olio evo, sale
Tagliare a tocchetti sedano e carota, affettare la cipolla, privare le erbe aromatiche degli eventuali steli. Porre gli involtini in un'ampia ciotola, aggiungere quindi le verdure, erbe aromatiche e spezie, salare e coprire col vino. Incoperchiare e lasciar marinare 24 ore in frigorifero.


Porre a scaldare l'olio in un'ampia casseruola e far rosolare gli involtini su tutti i lati, con le fettine di lardo. Aggiungere quindi verdure, erbe e spezie della marinata, scolate dal vino, e far appassire. Quindi allungare col vino della marinata, portare a ebollizione e abbassare la fiamma, lasciando cuocere a fuoco lento finché il vino non sia del tutto evaporato e la carne risulti morbidissima.


Togliere gli involtini e le foglie di alloro e frullare tutte le verdure col frullatore a immersione, formando una cremina densa da accompagnare agli involtini, guarnendo con l'alloro.

3 commenti:

  1. Il "tapulone" mi ricorda parecchio "la picula 'd cavàl" della tradizione piacentina...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che, mi par di capire, è fatta con la carne di cavallo... ma sempre per la polenta? bisogna che mi documenti :-)

      Elimina
  2. hanno proprio un bell'aspetto gustoso e invitante, meriterebbero proprio un assaggio, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...