martedì 22 maggio 2012

Scones all'arancia e mirtilli rossi

Ero molto indecisa se postare o no questa ricetta. Il motivo è che questa è stata la prima volta che facevo gli scones, e ovviamente ho toppato su qualcosa: non sono venuti alti come dovrebbero essere. Alla fine, pensa che ti ripensa, ho deciso di postare lo stesso la ricetta perché mi sono detta che mi avrebbe fatto da promemoria per la prossima volta che li farò (perché li rifarò, e non solo per prendermi la rivincita, ma perché sono proprio buoni!), per meglio aggiustare il tiro sui passaggi che ho sbagliato questa volta, e poi perché comunque, facendomi un giretto su internet, ho visto che ci sono anche altre foto di scones bassi come i miei, quindi dopotutto non sarà poi questa grande nota di demerito.


Questi sono particolari: sono aromatizzati all'arancia con i mirtilli rossi disidratati nell'impasto e una glassa leggera all'arancia sopra. La ricetta l'ho presa dal blog Tracey's Culinary Adventures, dimezzando le dosi. Nell'impasto ci andrebbe la scorza d'arancia grattugiata, ma dato che non avevo arance bio da poter usare stavolta, ci ho messo 1 cucchiaio di essenza d'arancia. La prossima volta però esagero, e ce ne metto due o più, perché mi piacerebbe che il sapore dell'arancia fosse più accentuato. Infine, la ricetta originale parla di usare la panna liquida, che io ho rimpiazzato con della panna acida perché ce l'avevo e dovevo farla fuori.


Comunque, la ricetta nel dettaglio:
  • 2 cup di farina 00, + 1/8 di cup
  • 1/8 di cup di zucchero fino Zéfiro, + un po' per spolverizzare
  • 1 cucchiaio di lievito in polvere per dolci
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaio di scorza d'arancia grattugiata (io di essenza d'arancia, prossima volta aumento a 2-3 cucchiai)
  • 170 g di burro freddo a pezzetti (secondo me è troppo, la prossima volta uso 150 g)
  • 2 uova
  • 1/2 cup di panna liquida (o panna acida) fredda
  • 1/2 cup (= 50 g) di mirtilli rossi disidratati
  • 1 uovo sbattuto con 1 cucchiaio di latte per spennellare
  • 1/4 di cup di zucchero a velo
  • 2 cucchiaini di succo d'arancia appena spremuto

Il procedimento per fare gli scones si caratterizza per la sua semplicità, e per il fatto di avere in comune coi muffins il fatto di miscelare da una parte gli ingredienti secchi e dall'altra quelli liquidi, e poi di combinarli insieme... sì, insomma... quasi ;-)
Accendere il forno a 200° statico e foderare una leccarda con della cartaforno. In una ciotola, mescolare i mirtilli rossi disidratati con l'1/8 di cup di farina che era stata misurata a parte.


Miscelare nella ciotola dell'impastatrice, con la frusta a pala, le 2 cup di farina con lo zucchero, la scorza d'arancia (se invece si usa l'essenza, vedere più avanti), il lievito e il sale, quindi aggiungere il burro freddo a pezzetti e far andare finché il tutto non assuma un aspetto granuloso.
In un bicchiere graduato, sbattere bene le uova con la panna, quindi colare questo intruglio un po' alla volta nell'impasto di burro farina e zucchero, tenendo l'impastatrice alla minima velocità. Aggiungere l'essenza d'arancia se si è preferita questa alla scorza, e infine i mirtilli con la farina a cui erano stati mescolati.


Quando tutti gli ingredienti sono ben combinati tra loro, rovesciare il composto, che risulterà molto morbido, sul piano di lavoro infarinato (la farina deve servire a non far appiccicare l'impasto al piano, evitare di fargliene assorbire ancora), formare una palla e appiattirla aiutandosi con un mattarello. Il blocco dovrà avere un'altezza non inferiore ai 3-4 cm, e qui è dove ho sbagliato io, che l'ho appiattito troppo, per cui i miei scones sono rimasti bassi.
Con un coppapasta del diametro di 7,5 cm circa, ritagliare dei cerchi di impasto (se si è mantenuta l'altezza giusta, ce ne dovrebbero uscire 6-7, che sono circa la metà di quelli che sono venuti a me) e disporli sulla leccarda foderata con la cartaforno. Ovviamente i ritagli si possono rimpastare e ritagliare fino ad esaurimento dell'impasto.


Spennellare gli scones con l'uovo sbattuto col cucchiaio di latte e spolverizzarli con lo zucchero, quindi infornarli e farli cuocere per 20-25 minuti, o comunque finché non appariranno dorati in superfice e sodi al tatto.
Farli raffreddare sulla gratella, e quando saranno completamente freddi, decorarli in superficie con la glassa ottenuta mescolando lo zucchero a velo col succo d'arancia.
Torno a dire, a me sono piaciuti molto... con i piccoli aggiustamenti segnalati, secondo me saranno perfetti!

11 commenti:

  1. che belli! devon esser perfetti con una bella tazza di thè ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... ma anche col cappuccino! ;-)
      Ciao!

      Elimina
  2. I prossimi ti verranno cicciosi sicuro, ma sul gusto non credo ci sia una gra differenza...squisiti così aromatizzati. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, un abbraccio anche a te!

      Elimina
  3. molto golosi! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  4. Ciao carissima. Tranquilla, la dieta che segue il Ciccio (che, per la cronaca, ha già concluso con successo!) non è pericolosa perchè le sostanze nutritive fondamentali le assumi comunque (lo zucchero presente nei pomodori, nelle verdure, idem le vitamine). I carboidrati eliminati per una settimana ti sgonfiano e permettono al tuo metabolismo di iniziare a consumare; gli alcolici ed il caffè, vabbè, quelli non sono fondamentali per vivere (il caffè forse si!!!).
    I chili persi non li recuperi a meno che non ti inizi a scoppiare piattoni di pasta tutti i giorni.
    La dieta Duncan non la conosco,
    La South Beach è dagli anni 80 che è usata in America, l'ideatore è un cardiologo che l'ha usata moltissimo per controllare i suoi pazienti cardiopatici e diabetici.
    Un bacione, buon pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. OK cara, suppongo che sappiate quello che fate. Io, quando sento parlare di diete, la prima cosa a cui penso è che sia bilanciata, e che quindi abbia tutto quello di cui l'organismo ha bisogno, solo in quantità ragionevolmente più contenute perché, diciamoci le cose come stanno: la causa prima del sovrappeso (e non parlo di obesità che il discorso si farebbe più complesso, e poi non c'interessa direttamente) è l'ABBONDANZA, seguita a ruota dalla SEDENTARIETA'.
      Poi, ovviamente, ognuno potrà avere le proprie convinzioni e seguire una diversa scuola di pensiero ;-)
      Baciotti a te e al Ciccio "modello" ;-*

      Elimina
    2. Ah, tanto per la cronaca: Dukan http://www.repubblica.it/salute/2012/05/16/news/dukan_guru_dieta_radiato_ordine_medici-35272167/
      Cià!

      Elimina
  5. La sua dieta è pessima, iperproteica, pericolosa per i reni. E la tisanoreica? Ne vogliamo parlare? Comunque, per me, è fondamentale l'equilibrio. In farmacia ne vedo talmente tante che si rovinano la salute con diete di dottori, pastiglie e quant'altro. Passano dall'anoressico all'obeso da antidepressivi perchè vanno fuori di testa. La cosa agghiacciante è che questi "medici" non la pagano come dovrebbero. Vabbè, chiudiamo questa parentesi, mi mangerei otto chili di questi biscottini...
    Un bacione.

    RispondiElimina
  6. Ecco ed io lo spaevo, sti dolcetti mi attiravano già da un po...ora arrivi tu e li hai fatti???? Ottimo così hai potuto vedere tutti i pregi ed i difetti :))) Lo sai di te mi fido cecamente ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Iris aspetta che li rifaccia, tanto non farò passare molto tempo, ci sto già pensando ;-) così ti dico esattamente tutto per filo e per segno ;-)

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...