sabato 14 aprile 2012

Straccetti di farro con sugo leggero di fave e pancetta

Questa è un'altra ricetta di Jo, non ho resistito ad innamorarmene appena l'ho vista. Io adoro la pasta con le fave, ed avevo giustappunto ancora un sacchetto di fave che avevo congelato l'anno scorso che andava assolutamente tolto dal freezer. Peccato non aver trovato non solo la pancetta sarda, ma neanche una semplice pancetta tesa che non fosse affumicata. Ho dovuto ripiegare su una pancetta coppata che, se non altro, aveva il pregio di essere magrissima.
Inoltre, in un primo momento avevo considerato solo l'idea di preparare il condimento e tralasciare di fare gli straccetti di farro, ma poi mi sono detta che così la realizzazione sarebbe rimasta monca, e dato che comunque la farina di farro a casa ce l'avevo già, ho messo in lavorazione anche la pasta fresca, e non me no sono pentita: il piatto che ne è risultato era delizioso, semplicemente da leccarsi i baffi!


Per gli straccetti di farro, quantità per 4 persone, o 3 buone forchette:
  • 100 g di farina di farro (+ quella che viene raccolta durante la sfogliatura)
  • 100 g di farina di frumento tipo 0
  • 2 uova
  • 1 cucchiaino di sale fino
Impastare gli ingredienti nella ciotola dell'impastatrice, lasciare che si formi la palla (se necessario, aggiungere ancora un po' di farina), avvolgerla nella pellicola e metterla a riposare in frigo. Io ce l'ho lasciata tutta la notte.
Riprendere la palla ed iniziare a tirare la sfoglia, continuando ad infarinare fino ad ottenere la giusta durezza, quindi assottigliarla. Io ho usato l'Imperia e sono arrivata alla tacca 4, ma volendo ci poteva stare pure una 5.
Col coltello, ritagliare delle forme geometriche irregolari (dubito che riuscirete a farle più irregolari delle mie, anche impegnandovici! ;-P )


Per il sugo di fave e pancetta:
  • 200 g di fave (peso al netto dei baccelli)
  • 100 g di pancetta coppata magra (se non si dovesse trovare quella sarda usata da Jo)
  • 2 cucchiai di polpa di pomodoro
  • 2 cucchiai di olio evo
  • 1 scalogno piccolo
  • 1 spicchio d'aglio
  • uno spruzzo di vino bianco, sale e pepe
  • qualche filo di erba cipollina e pecorino grattugiato per guarnire
Sbollentare rapidamente le fave per privarle della pellicina esterna. Tagliare la pancetta a listarelle. Affettare sottilmente lo scalogno e passare l'aglio allo schiacciaglio.


Far scaldare l'olio in una padella antiaderente e mettervi a rosolare lo scalogno con l'aglio. Quando sono appassiti, aggiungere la pancetta e far rosolare anch'essa, quindi aggiungere le fave e mescolare. Lasciar cuocere qualche minuto e sfumare col vino bianco. Aggiungere la polpa di pomodoro, un mestolino d'acqua, sale e pepe e lasciar restringere. La cottura non sarà lunga perché le fave, essendo già state sbollentate e private della pellicina, risulteranno essere abbastanza tenere, specie se sono le prime della stagione.


Nel frattempo, lessare gli straccetti in acqua bollente, un paio di minuti dal momento in cui vengono a galla, scolarli e spadellarli nel condimento.
Impiattare e servire guarnendo con l'erba cipollina e una spolverata di pecorino grattugiato. Sulla mia porzione ho messo anche qualche goccia di piri piri oil.
Gustosi e delicati, davvero buoni come tutte le cose che propone Jo!

2 commenti:

  1. dalla foto ti è riuscito un piatto stupendo!!grazie Concetta >:D< sei sempre bravissima ad interpretare i piatti!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...