lunedì 2 aprile 2012

Lemon and poppy seed cake - Torta al limone e semi di papavero

Dopo tantissimo tempo, mi sono nuovamente cimentata nella realizzazione di una ricetta dal primo libro della Hummingbird Bakery. Per inciso, nel frattempo mi sono anche comprata il secondo, Cake Days, che per il momento fa solo bella mostra di sé sulla mensola della libreria, in attesa che gli dia un motivo per giustificare la sua esistenza.
La scelta questa volta è caduta su questa Lemon and Poppy Seed Cake, il perché, anzi, I perché, sono presto detti: innanzitutto, la necessità di usare qualche altro albume che giace da tempo nel freezer (essì, ce ne ho ancora!), poi, il desiderio di usare i semi di papavero che avevo comprato per fare questo pane, e infine, la memoria che avevo di questo altro dolce al limone, sempre di Hummingbird, che è semplicemente stratosferico e che si avvicina molto, nel procedimento, alla torta di questo post, che tuttavia è molto più leggera (meno burro, meno latte, solo albumi).


Le dosi:
per la torta
  • 85 g di burro non salato
  • 245 g di zucchero fino tipo Zéfiro
  • buccia grattugiata di 1,5 limone non trattato (più il necessario per la decorazione)
  • 15 g di semi di papavero (più il necessario per la decorazione)
  • 165 ml di latte (la ricetta dice intero, io ho usato quello parzialmente scremato)
  • 235 g di farina 00
  • 2 cucchiaini di lievito in polvere
  • 1/2 cucchiaino di sale fino
  • 3 albumi
per lo sciroppo
  • 50 g di zucchero fino tipo Zéfiro
  • il succo e la scorza grattugiata di 1 limone non trattato
  • 100 ml di acqua
per la glassa
  • 75 g di zucchero a velo
  • 1 cucchiaino di succo di limone non trattato
Uno stampo a ciambella da 22 cm.


Il procedimento:
Nella ciotola dell'impastatrice mescolare, con la frusta a pala, il burro a temperatura ambiente con lo zucchero, la scorza grattugiata e i semi di papavero. Quando sono tutti ben combinati, aggiungere il latte un po' per volta, sempre mescolando, e infine la farina setacciata con il sale e il lievito, a cucchiaiate. Alzare un po' la velocità dell'impastatrice e mescolare finché il composto non diventa bello soffice e spumoso.
Montare gli albumi a neve fermissima e aggiungerli a mano, poco per volta e mescolando piano dal basso verso l'alto per non farli smontare.


Versare l'impasto nello stampo imburrato e infarinato (io ho usato uno stampo di silicone, quindi ho saltato il passaggio dell'imburramento e infarinamento) e infornare nel forno già caldo a 170° statico per circa 50 minuti, dipende dal forno, comunque fare la prova stecchino.
Nel frattempo che la torta cuoce, preparare lo sciroppo mescolando gli ingredienti in un pentolino e portandolo ad ebollizione, e far ridurre della metà, finché non abbia acquistato un aspetto sciropposo.


Quando la torta sarà uscita dal forno e mentre è ancora calda e nello stampo, praticare dei forellini tutto intorno con uno stuzzicadenti e versarvi lo sciroppo, aiutandosi con un cucchiaio o un pennello, facendo quindi in modo che il liquido penetri nella torta.


Far finire di raffreddare, e intanto preparare la glassa mescolando insieme lo zucchero a velo col succo di limone, fino ad ottenere un composto liscio e denso, ma fluido abbastanza da colare giù dal cucchiaio (aggiungere altro zucchero o acqua se si volesse più denso/fluido). Porre la torta su una griglia con un piatto sotto e versarvi sopra la glassa, lasciando che questa coli al lati, e infine decorare coi semi di papavero e striscioline di scorza di limone ricavate con un rigalimoni.


La torta è veramente deliziosa, delicata e gradevolmente acidula, una vera squisitezza se si ama il gusto fresco del limone. Tuttavia devo fare delle osservazioni sulla ricetta, così com'è stata fornita dall'autore del libro: per esperienza, posso dire che tutte le ricette della Hummingbird Bakery provate finora erano abbastanza accurate nei dosaggi e nei suggerimenti. Stavolta però ho riscontrato qualche inaccuratezza che voglio sottolineare: innanzitutto, la dimensione dello stampo. Hummingbird Bakery consiglia di usarne uno da 24 cm. Io ho preferito usarne uno da 22 cm, e posso dire che è stata una felice intuizione, diversamente la torta sarebbe rimasta troppo bassa. In secondo luogo, il tempo di cottura. Hummingbird Bakery parla di 30 minuti, a me ce ne sono voluti ben 50! Perciò, occhio al forno e fare sempre la prova stecchino. Infine, per la glassa Hummingbird Bakery dà come dosi 250 g di zucchero a velo e il succo di 1 limone intero. Sono decisamente troppe! Io mi sono fidata, e purtroppo una buona metà della glassa preparata è finita nello scarico del lavandino. Perciò ho preferito dare le dosi più ridotte, che per una torta così bastano e avanzano.

AGGIORNAMENTO 05-10-14
Dato che mi era avanzato del latticello biologico da un'altra preparazione, ho voluto provare a usarlo per sostituire il latte. Non so se sia merito suo, ma ho la netta impressione che il dolce sia ancora più soffice! In ogni caso, buono a sapersi che latte e latticello sono intercambiabili ;-)

14 commenti:

  1. Qui da te trovo sempre ricette che incontrano i miei gusti e ora....vedo che abbiamo anche le stesse letture! :-D

    RispondiElimina
  2. Io l'avevo fatta all'arancia la ricetta e il libro da cui l'ho presa erano altri ma le foto son molto simili :)
    Buona e bella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La variante all'arancia l'ho vista parecchio in giro, ed è assolutamente da provare, il prossimo inverno ormai, perché io le arance bio già non le trovo più :-(
      Ciao!

      Elimina
  3. Ciao bella!!! Ecco questa ricettina mi aveva già ispirata nella tua anteprima, ora arriva proprio a "cacio", visto che nel WE ho fatto dosi galattiche di frolla e quindi ho un bel po' di albumi da smaltire!!! Domandina.. ma per frusta "a pala" intendi la K? Giuly

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuly! Yesssss, proprio quella, la K! ;-)

      Elimina
  4. Risposte
    1. Uuuhhhh sì Pat, falla che è buonerrimissima!!! ;-)

      Elimina
  5. Ottima scelta x inaugurare il libro! Mi attira per tanti motivi: x i semi di papaveri, per l'aroma di limone, per la consistenza... non ho motivi x non adorarla!!! La proverò!

    Approfitto x invitarti a partecipare alla mia nuova sfida mensile dedicata ai dolci:
    http://morenaincucina.blogspot.it/2012/04/una-nuova-iniziativa-sfida-mensile-un.html

    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Morena, grazie per l'invito, ma non partecipo a sfide, concorsi, giochi e meme in generale per mancanza di tempo ;-)

      Elimina
  6. ottima scelta e risultato delizioso!! buona Pasqua cara :-X

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sonia, buona Pasqua anche a te! ;-)

      Elimina
  7. Risposte
    1. Would you like to try it? I can give you the English recipe, if you want ;-)

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...