mercoledì 6 luglio 2011

Fagottini di pasta brioche siciliana

Ecco un impasto lievitato che trova innumerevoli impieghi, per la sua sofficità, per il suo gusto reso lievemente dolciastro dallo zucchero, per la sua eccellente lavorabilità... dalla produzione di semplicissimi panini che poi si potranno aprire e farcire a piacere (tanto per capirci, come quelli da party farciti col prosciutto, il salame etc), a involucro dai ripieni più fantasiosi, come questa treccia danese salata


oppure questa vitella in crosta soffice


oppure i fagottini di cui vi parlerò in questo post.


Innanzitutto, bisogna preparare la pasta brioche, che io faccio seguendo la ricetta che ho trovato qui:
  • 250 g di farina manitoba
  • 250 g di farina 0
  • 50 g di olio evo
  • 50 g di zucchero
  • 1 c di malto d'orzo
  • 1/2 cubetto di lievito di birra
  • 10 g di sale
  • 200 g di acqua
  • 1 uovo
Nella planetaria, miscelare le due farine. Sciogliere nell'acqua il lievito con lo zucchero e il malto e aggiungerlo alle farine avviando il gancio dell'impastatrice. Unire l'uovo, facendolo assorbire bene, quindi l'olio facendo assorbire anche questo e infine il sale. Far strapazzare bene, finché l'impasto non sia bello liscio, omogeneo e ben incordato, e che le pareti della ciotola dell'impastatrice rimangano belle pulite.
Coprire con della pellicola alimentare e un canovaccio e far lievitare finché non abbia triplicato il volume. Quindi scaravoltarlo sul piano da lavoro leggermente infarinato, sgonfiarlo e dargli qualche piega, e infine stenderlo col mattarello ad un'altezza di circa 1/2 cm, quindi con una formina ritagliare dei cerchi che potranno essere farciti a piacere. Io ci ho messo della fesa di tacchino arrosto e mozzarella, entrambi triturati nel mixer.


Ripiegare i fagottini sigillando bene i lembi e disporli sulla leccarda foderata di cartaforno.


Far lievitare di nuovo, spennellare con un po' di latte o uovo sbattuto, quindi cuocere nel forno preriscaldato a 180° ventilato per circa 15-20 minuti, e comunque fino a doratura.


Se mangiati caldi sono da urlo, ma anche freddi fanno la loro porca figura!!!

6 commenti:

  1. Buonissimi ne mangerei uno a colazione! Buona giornata, Laura

    RispondiElimina
  2. E' una pasta stupenda diciamo la verità!!! E tu poi hai le manine d'oro per i lievitati.

    RispondiElimina
  3. Ritorno per dirti che c'è un premio per te nel mio blog, spero ti sia gradito, Laura

    RispondiElimina
  4. Hulla che spettacolo! Assolutamente buoni, caldi ancora meglio, hai ragione...hai ragione anche dicendo che mi devo rimettere a cucinare! Ho mangiato a sbafo sì! Un bacione.

    RispondiElimina
  5. Che golosità, per non perdermi nessun'altra golosità mi sono pure iscritta nei tuoi lettori fissi, ciao SILVIA

    RispondiElimina
  6. ma che spettacolo!!! E' una goduria per gli occhi e per il pelato; io di delizie del genere non me ne voglio perdere più nemmeno una per cui mi aggiungo ai tuoi follower, un abbraccio, se ti va passa da me

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...