mercoledì 4 maggio 2011

Key lime pie con topping di meringa italiana

Per chiudere la carrellata di portate del mio pranzo vegetariano di Pasquetta, eccovi il dolce che ho proposto. Sarebbe potuto venire meglio se non avessi avuto la presupponenza di poter usare il latte condensato homemade al posto di quello industriale. Il mio errore è stato tutto lì, e dire che se avessi dato retta al mio istinto... ma vabbé, diciamo che alla fine s'è fatto mangiare lo stesso. Tuttavia raccomando a chi volesse provare a rifarlo di non commettere la mia stessa leggerezza: se riuscite a trovare una marca alternativa a Nestlé (mi dicono che se ne trovi uno di marca tedesca nei supermercati Esselunga che ahimé, qui da me non ci sono), altrimenti turatevi il naso e prendete quello della malefica multinazionale... altrimenti datemi retta, è meglio non farlo!


Ancora una volta, le splendide foto sono di una delle mie ospiti, e scusatemi se le metto tutte, ma sono talmente belle che faccio una gran fatica a selezionarle. La ricetta invece è, come al solito, della Hummingbird Bakery.


Base:
  • 500 g di biscotti digestive McVities
  • 200 g di burro fuso
Sbriciolare i biscotti nel food-processor fino a ridurli in farina e, tenendo sempre acceso il food processor, aggiungere il burro fuso finché non sia stato tutto incorporato. Con questo impasto, foderare completamente una tortiera (meglio se di pyrex o di porcellana da forno, visto che comunque il dolce NON andrà sformato) da 23 cm di spazio interno utile, livellando bene e coprendo anche i bordi tutto intorno. Cuocere nel forno già scaldato a 170° statico per 20-30 minuti. Far raffreddare completamente.


Ripieno:
  • 2 lattine da 397 g di latte condensato
  • 8 tuorli
  • il succo e la scorza grattugiata di 5 lime
Mescolare delicatamente tutti gli ingredienti in una ciotola con una frusta manuale. Gli ingredienti si addenseranno naturalmente, cosa che a me, col latte condensato homemade, non è successo :-(
Colare questa crema nella crosta ormai completamente fredda, e rimettere in forno caldo a 150° statico per 20-30 minuti. Il ripieno si rassoderà ancora e sarà pronto quando al centro si presenterà morbido, ma non "ballonzolante".
Tirare fuori dal forno e far raffreddare completamente, l'ideale sarebbe farlo riposare in frigo tutta la notte.


Meringa italiana:
  • 7 albumi
  • 400 g di zucchero
  • 80 ml di acqua
  • 1/2 c di essenza di vaniglia
Mettere gli albumi nella ciotola dell'impastatrice e cominciare a montarli a neve con la frusta a filo. Nel frattempo, con l'acqua e lo zucchero preparare uno sciroppo. Quando sarà diventato trasparente, bisognerà cominciare a misurarne la temperatura. Appena questa sarà arrivata a 120°, lo sciroppo sarà pronto. Versarlo subito a filo negli albumi che, nel frattempo, saranno già diventati belli spumosi, senza smettere di mescolare con la frusta a filo che dovrà essere regolata ad una velocità medio alta. Aggiungere la vaniglia e continuare a mescolare alzando la velocità dell'impastatrice, anche dopo che lo sciroppo sarà finito, finché il composto non si sarà completamente raffreddato e avrà triplicato il volume, raggiungendo una consistenza molto soda. E' un'operazione lunga, non ho guardato attentamente l'orologio, ma direi che ci sono voluti ben più di 20 minuti.
Quando finalmente la meringa sarà pronta, disporla a cucchiaiate sulla pie, coprendola completamente... verrà una bella montagnola alta. Creare dei riccioli col dorso del cucchiaio.


Infornare nel forno già caldo a 150° statico per 20-30 minuti, e comunque finché la meringa non avrà preso un colore leggermente brunito.


Se non si hanno troppe paranoie sui possibili effetti dell'assunzione di uova parzialmente crude, si può fare anche la meringa semplice con lavorazione a freddo. Altrimenti, se si vuole risparmiare ancora più tempo e fatica, si possono montare 400 ml di panna fresca e coprire con questa la pie, eventualmente decorando con la buccia zestata di un altro lime.


Un incantevole incontro di dolce-acidulo, assolutamente da provare!

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...