martedì 24 maggio 2011

Il polpettone: come lo fai lo fai...

... è sempre bono! E se ci cuoci insieme anche qualche patata, diventa la cena perfetta!   
Generalmente, per polpette e polpettoni, ognuno ha una ricetta del cuore, tuttavia a me non succede mai di rispettare sempre rigorosamente la stessa, ogni volta cambio qualcosa, un aroma in più o in meno, piuttosto che un ingrediente in più o in meno... vi racconto come ho fatto questo, ispirandomi alla ricetta del falsomagro siciliano per la farcitura.


Per il polpettone:
  • 600 g di macinato magrissimo di vitello o manzo
  • 15 cm ca di luganega
  • 2 fette di pancarré ammollate in un po' di latte
  • 2 uova
  • 2 cucchiai di pangrattato
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 1 spicchio d'aglio
  • una bella manciata di foglie di prezzemolo
  • una grattatina di noce moscata
  • sale aromatizzato
Per la farcitura:
  • 1 frittatina di un uovo
  • 3 belle fettine di prosciutto cotto
  • 2 cubelli di spinaci surgelati
  • 8 fettine di provola affettata sottile
Per la cottura:
  • olio evo
  • 1 bicchiere (da acqua) riempita con metà acqua e metà vino bianco
  • 3 belle patate a spicchi
  • 2 spicchi d'aglio
  • 2 rametti di rosmarino
Preparare la carne per il polpettone mescolando diligentemente (che significa con le mani, possibilmente pulite) insieme tutti gli ingredienti. Allargare questo impasto sopra un foglio di cartaforno abbastanza grande, perché dovrà servire poi anche ad avvolgerlo.
Preparare una frittatina sottilissima, come una crepe, e sovrapporla alla carne. Quindi adagiare sopra anche le fette di prosciutto cotto, gli spinaci fatti scongelare, strizzati e tagliuzzati con le forbici, e infine le fette di formaggio.
A questo punto, aiutandosi con la cartaforno, arrotolare la carne su se stessa formando il polpettone, compattando bene per sigillare il ripieno, e foderare nello stesso foglio di carta forno.


Nel frattempo portare il forno alla temperatura di 210-220° circa, statico, dove si metterà a cuocere il polpettone in una pirofila unta e con il bicchiere di acqua e vino. Dopo 15 minuti circa, rigirare delicatamente il polpettone dall'altra parte.
Nel frattempo, sbucciare e tagliare le patate e mescolarle in un piatto con il sale e l'aglio. Dopo mezz'ora, togliere la carta al polpettone e distribuire anche le patate nella pirofila, quindi portare il tutto a cottura per un'oretta, rigirando il polpettone almeno una volta.
Veramente buono nella sua semplicità e mancanza di pretenziosità!

8 commenti:

  1. Io adoro il polpettone. Mi ricorda quando ero piccola è il mio "comfort food". E si beh..anch'io non lo faccio mai uguale, ma SEMPRE con le patate :-D

    RispondiElimina
  2. Hai proprio ragione....il polpettone mette daccordo sempre tutti! :-)

    RispondiElimina
  3. quante versioni e tutte buonissime, il polpettone e'polpettone!!

    RispondiElimina
  4. E' vero, è uno di quei piatti jolly dalla riuscita sempre perfetta!! E questo sembra davvero ottimo! :D

    RispondiElimina
  5. è proprio ottimo! complimenti per lo splendido risultato, ciao :))

    RispondiElimina
  6. Davvero, tutti diversi, in ogni casa. Questo mi ispira parecchio, con carne, luganega, spinaci, provola...mamma mia!

    RispondiElimina
  7. ripasso per invitarti al mio contest, se ti fa piacere, ciao .))

    RispondiElimina
  8. Ciao Sonia, grazie per l'invito! Ti spiace se passo? Avrei scelto di evitare di partecipare a contest, premi e meme perché richiedono tempo che non ho, quel poco che mi resta preferisco focalizzarlo sulle ricette da postare.
    Mi vuoi bene lo stesso? ;-)
    Un bacione!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...