sabato 5 febbraio 2011

No-knead ciabatta con grano saraceno

Ma da 0 a 10, quanto mi piacciono a me le sorprese in cucina? e non sto parlando delle sorprese intese come qualcuno che ti fa trovare pronto il tuo piatto preferito, oppure un piatto che hai sempre desiderato assaggiare ma non hai mai avuto il coraggio di fare. Certo, anche questo tipo di sorpresa mi piace, benché si tratti di un privilegio che mi sarà stato accordato al massimo un paio di volte nella vita, però in questo momento io sto parlando di un altro tipo di sorpresa... voglio dire, quella sorpresa che hai quando ti avvii per preparare qualcosa che avevi in mente, e finisci per ottenere qualcosa di molto diverso, ma altrettanto buono, se non di più. La sorpresa di scoprire che quel pane che, a metà strada, aveva tutta l'aria di diventare uno spatascio epocale, invece si è tradotto in una ciabatta sorprendentemente buona, che probabilmente sarà irripetibile, perché anche se segnerai accuratamente le dosi e il procedimento che hai usato, sei perfettamente cosciente che è stato il frutto di qualcosa che è andato storto, e che forse non si ripeterà più, per quanto ti ci voglia impegnare. Perché se da una parte è vero che in cucina tutto è chimica, tutto è legato ad una concatenazione di causa ed effetto, è altrettanto vero che basta un impercettibile incidente di percorso, ma talmente impercettibile da non poterlo registrare in alcun modo, per cambiare in modo quasi radicale il risultato che si vuole ottenere.


Però quando questo incidente non solo non compromette il risultato finale, ma anzi, lo magnifica... eh bé, là sì che la sorpresa è grande, e la soddisfazione ancora di più!
Il tutto era iniziato ieri sera che mi è capitato per le mani un mezzo sacchetto di farina di grano saraceno che si sta avvicinando alla scadenza. Scatta la decisione di fare il pane, e opto per un no-knead bread, senza fatica e sempre buono, quindi ieri sera ho mischiato insieme


  • 1 cup di farina di grano saraceno
  • 1 cup di farina tipo 0
  • 1 cup di manitoba
  • 1 e 1/4 c di sale aromatizzato fatto da me (prima o poi vi racconterò come)
  • 3-4 g di lievito di birra fresco, sciolti in
  • 1 cup e 2/3 circa di acqua tiepida
Coperto il contenitore con un foglio di pellicola e un canovaccio, l'ho messo nel mobile della cucina a riposare per la notte, solo che stamattina ho trovato che aveva sì lievitato, ma era rimasto un blob terribilmente liquido e ingestibile. L'ho versato sopra un foglio di cartaforno ben infarinato, a sua volta poggiato sopra un canovaccio e il tutto posto sopra la leccarda del forno, col tagliapasta gli ho dato un po' di pieghe e quindi l'ho ricoperto coi lembi della cartaforno e poi anche del canovaccio, rimettendolo a lievitare nel forno con la sola lucina accesa, ma ovviamente l'impasto tendeva maggiormente ad allargarsi che ad alzarsi.
A quel punto è scattata l'idea... e se invece della pagnotta provassi a fare una specie di ciabatta?


Ho portato il forno a 250° statico, con dentro la pietra refrattaria e un pentolino d'acqua sul fondo, quindi ho letteralmente scaravoltato l'impasto sulla refrattaria bollente e l'ho lasciato cuocere per 20 minuti a 250°, abbassando poi a 220° per altri 10 minuti.
Ne è risultata questa specie di ciabatta (dico "specie" perché la forma non è esattamente quella di una ciabatta allungata come la conosciamo, ma una cosa piuttosto ovaloide) un po' scura per la presenza del grano saraceno, con questa bella mollica morbida e umida e con delle belle alveolature.


Che dire? tutto sommato sono rimasta soddisfatta... ma da 0 a 10, quanto mi piacciono a me le sorprese in cucina??? ;-)

6 commenti:

  1. Ciao Lisbeth, piacere di conoscerti. Ho guardato il video sulla preparazione del no-knead bread, di una semplicità quasi imbarazzante, ma sarà così anche con le farine glutenfree? Ci proverò...

    RispondiElimina
  2. Ciao Tinny, il piacere di conoscerti è mio, benvenuta nella mia cucina!
    Purtroppo io non ti so dare indicazioni su come fare il no-knead bread con le farine senza glutine, ma conosco due persone che sono due maghe con le farine GF, che hanno fatto anche il no-knead bread e ti sapranno dare indicazioni certe! Sono Felix e Cappera e le trovi sul blog http://uncuoredifarinasenzaglutine.blogspot.com/
    Altrimenti puoi trovare indicazioni preziose sul forum Cucina in Simpatia http://www.cucinainsimpatia.net/forum.php, dove c'è tutta una sezione dedicata alla celiachia, in continuo aggiornamento, e curato sempre da Felix, Cappera e altre amiche ;-)
    Ciao, e torna a farmi visita quando vuoi!

    RispondiElimina
  3. mai preparato!!vado a vedere il video,mi a incuriosito :)

    RispondiElimina
  4. Eheheheheh! La farina di grano di saraceno infingarda fu!
    Il pane però è splendido!!!
    Buona domenica Concy :-)

    RispondiElimina
  5. @ Mirtilla: fare il pane così è talmente facile, che ti verrebbe voglia di farlo tutti i giorni!
    @ Olga: essì, mi sa che fu proprio il grano saraceno a tradirmi... avevo calcolato che l'impasto sarebbe rimasto più idratato ed era ciò che volevo, per avere una mollica più alveolata, ma evidentemente ho esagerato con l'acqua... sarà di lezione per la prossima volta! Buona domenica anche a te!

    RispondiElimina
  6. ...Credo di aver capito. Grazie mille per le dritte!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...