martedì 15 febbraio 2011

Carciofi ripieni di tonno

Ma quanto sono buoni i carciofi? Io li adoro, preparati in tutti i modi, anche se li prediligo maggiormente ripieni, soprattutto se sono ripieni di tonno.
Posto che i ripieni, come gli impasti di polpette e polpettoni, non sono mai perfettamente identici alle volte precedenti... una volta cambi un ingrediente, un'altra ne metti uno in più, la volta dopo ancora uno in meno... insomma, posto che qualcosa cambia sempre, tuttavia 2 sono i punti fermi da cui non prescindo mai: il tonno e la mollica di pane ammollato.


Per gli ultimi che ho preparato ho impiegato:
  • 4 carciofi
  • 1 frisella ammollata nell'acqua (ovviamente va benissimo il pane raffermo)
  • 150 g di tonno al naturale sgocciolato
  • una manciata di capperi in salamoia
  • una decina di olive nere
  • 3-4 acciughe sott'olio
  • una manciata di foglioline di origano fresco
  • 1 spicchione d'aglio
  • un paio di cucchiaiate di parmigiano grattugiato
  • una cucchiaiata di pangrattato
  • una grattata di scorza di limone e un cucchiaio di succo
  • olio evo, sale e pepe nero macinato
  • vino bianco, acqua
Come prima cosa, tritare tutto insieme l'aglio, i capperi, le olive, le acciughe e le foglie di origano. Grattugiare un po' di buccia di limone (regolatevi con la quantità, se preferite solo un sentore o un gusto più deciso) e spremete il succo.
Strizzate il pane bagnato e sbriciolatelo per bene in una ciotola, quindi versate anche il tonno sgocciolato e sminuzzato e via via tutti gli altri ingredienti. Col pangrattato regolatevi, l'impasto non dev'essere né troppo morbido né troppo sodo, quindi il pangrattato serve solo a dare la giusta consistenza... potrebbe anche essere che non sia affatto necessario.
Amalgamate tutto per bene e terminate con olio, sale e pepe (occhio comunque, che c'è già un sacco di roba saporita!).


Prendete i carciofi, che avrete già pulito e tenuto a bagno in acqua acidulata con limone, "spanateli" per benino e riempiteli con la farcia del ripieno, ma riempieteli bene... devono schiattare di ripieno!
Quindi metteteli in piedi in una pentola dove avrete già versato un filo d'olio, badate che sia resistente al forno, io ne ho usato una di terracotta, e colmate gli eventuali vuoti con delle patate, lasciate intere o tagliate a metà, come preferite. Distribuite sopra queste la farcia che fosse eventualmente avanzata, quindi mettete sul fornello e fate rosolare un po'.
Quindi portate a cottura con una tazzina da caffé di vino bianco e una di acqua, tenendo la pentola incoperchiata.
Finita la cottura, passate la pentola al gratin per una ventina di minuti, o comunque finché non si forma una crosticina dorata sul ripieno.


Far stiepidire un po' e gustateli come contorno, ma anche come secondo, dato che comunque sono di sostanza... credetemi, ne mangerei fino a star male!!!
 

13 commenti:

  1. ho giusto dei carciofi che implorano di essere preparati
    mi sembra molto invitante come ricetta, la devo un po' risistemare in versione gf ma non è impossibile
    però non ho capito un paio di cose
    1- se vanno messi in piedi va tolto completamente il gambo, o no?
    2- se vanno prima rosolati la teglia deve essere idonea sia al fuoco che al forno, ma io non ce l'ho una teglia del genere, che faccio?

    RispondiElimina
  2. Vale, sì certo, i gambi vanno tolti completamente, ma puoi infilarli negli spazi vuoti tra un carciofo e l'altro... sono la parte migliore!
    Per la pentola non so che dirti... non hai niente in pyrex? in porcellana? in terracotta? o anche in metallo che però non abbia i manici che si squagliano.... cerca cerca tra le caccavelle, mi rifiuto di credere che non hai niente di idoneo! ;-)

    Daniela grazie! (ma quant'è caruccio il carlino della tua foto... è tuo?)

    RispondiElimina
  3. in pirex ce 'ho ma la posso mettere direttam sul fuoco???

    RispondiElimina
  4. mmmm, ora che mi ci fai pensare, forse no, forse il pyrex non è indicato per andare sulla fiamma... però potresti fare tutta la cottura in forno! Certo, puoi fare così, fai cuocere incoperchiato e alla fine dai una botta di grill per la crosticina... come ti suona?

    RispondiElimina
  5. mica male,un bel ripieno alternativo :)

    RispondiElimina
  6. ho proprio dei carciofi da cucinare! ricetta meravigliosa!!!!

    RispondiElimina
  7. Ciao Ely! visto? la ricetta giunge a proposito! ;-)
    Sì Mirtilla, infatti... ero stufa dei soliti ripieni di carne o di solo pane, e siccome io amo il tonno (infatti non lo uso solo per i carciofi, posterò anche altre ricette ;-) ), capisci bene che il passo è stato breve! :-D

    RispondiElimina
  8. Ciao Lisbet! Sono rimasta affascinata dal tuo blog! Quante belle ricette! Sei veramente molto brava! Ti copio il dolce postato sotto... me lo sono mangiato con gli occhi! Dev'essere buonissimo! E per una volta ogni tanto...al diavolo le diete e w il burro e i grassi!!! ;-) Un bacio cara!

    RispondiElimina
  9. Ciao Kiara, benvenuta nella mia cucina! Grazie per i complimenti, nel mio piccolo cerco di fare le cose come posso, ma sempre con amore e passione. E sono d'accordo con te: ogni tanto fa bene lasciarsi andare a qualche stravizietto, altrimenti che grama sarebbe la vita!
    Un bacio anche a te, torna quando vuoi!

    RispondiElimina
  10. Ciao piacere di conoscerti, il tuo blog mi piace molto, mi sono aggiunta ai tuoi sostenitori cosi continuo a seguirti.
    Anch'io amo tanto i carciofi, ma non li ho mai fatti col tonno....mi incuriosisce molto!!!
    Se ti fa piacere passa a trovarmi
    A presto

    RispondiElimina
  11. Ciao Laura, piacere mio! Ora passo a sbirciare il tuo blog... a presto!

    RispondiElimina
  12. rieccomi... mi era saltata la connessione a internet e sto recuperando i post perduti

    farò come suggerisci, direttamente al forno, magari aumento di poco i liquidi

    grazie

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...