venerdì 28 gennaio 2011

E se ci facessimo una bella polenta?

Che buona che è la polenta! Col freddo che sta facendo in questi giorni e, in generale, in quest'invernata abbastanza rigida anche dove normalmente le temperature invernali sono più miti, coccolarmi con una bella polenta è tra le cose più gratificanti che possa riservarmi.
Soprattutto da quando mi hanno detto come si può fare una polenta superlativa senza fatica e senza perdita di tempo nella macchina del pane. Ebbene sì, perché lo confesso, prima di questa scoperta non è che la facessi troppo spesso e, se la facevo, usavo - SACRILEEEGIOOOO!!! - la polenta a cottura istantanea, perché sinceramente a me, di star lì a remenare per 40 minuti non me ne teneva proprio! Però riconosco che non era proprio la stessa cosa, perciò, da quando ho scoperto questa chicca della MdP, evvai con polenta a gogò!!!
Per 2 porzioni di polenta, basta mettere nel cestello della MdP
  • 1/2 litro di acqua
  • 1 cucchiaio di olio EVO
  • 1 cucchiaino di sale
  • 120 g di farina per polenta
e avviare il programma Marmellata. A quel punto, per l'ora successiva voi potrete dedicarvi ad altro, perché la MdP cuocerà e remenerà per voi la polenta. L'unica accortezza che dovete avere è togliere il cestello dalla MdP a 20 minuti dalla fine del programma, questo perché è la fase in cui le pale restano ferme, e se la polenta la si lascia là, tirerete fuori un blocco a forma di parallelepipedo. Comunque, consiglio di verificare le varie fasi operative del programma Marmellata che si ha sulla propria MdP, perché non in tutti i modelli funziona allo stesso modo. Questo è il procedimento indicato per quei programmi che durano 1 ora e 20 minuti, e in cui la prima ora comprende il riscaldamento e la mescolatura, e gli ultimi 20 minuti la cottura a pale ferme.
Ecco alcuni modi di preparare la polenta:


bramata con un buon ragù di carne



bramata con funghi porcini e finferli e salsiccia luganega


bramata con gorgonzola e noci triturate


e naturalmente la classica taragna con casera, taragna con taleggio e accompagnamento di broccoli e quinoa saltati in padella, bramata con fontina e toma val iosina e accompagnamento di misto verdure in foglia, sempre saltate in padella, e con asiago, e con montasio, e con... che s'è capito che amo la polenta in tutte le salse??? ;-)
Di solito il condimento, che sia sugo o formaggio, l'aggiungo direttamente alla polenta negli ultimi 10 minuti di cottura... cioé, se è formaggio, ci metto tutta la dose prevista e lascio che si sciolga, se è sugo, ce ne aggiungo qualche cucchiaiata, quanto basta per colorarla, e poi il resto ce lo verso sopra quando l'impiatto.
La prossima sarà con baccalà alla vicentina... già mi pare di sentire il sapore in bocca, GNAM!!!

4 commenti:

  1. se la proponi cosi,come fare a dire di no?

    RispondiElimina
  2. Ciao Mirtilla, benvenuta nella mia cucina... allora alla prossima polenta mi fai compagnia? ;-)

    RispondiElimina
  3. Io ci sarò di sicuro. Mi piace molto la polenta :-) Una carezza ai mici (in particolare una a micio Alex da Anto) ed un abbraccio a te

    RispondiElimina
  4. Iris tu sei sempre la benvenuta... quando ti deciderai a venire!
    I mici hanno gradito le carezze, soprattutto quello zoccolone di MicioAlex! ;-)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...