martedì 12 ottobre 2010

Tortina al ciocco bianco con cuore di matcha

Non chiamateli muffin! Anche se può esserci una vaga somiglianza nell'aspetto, il procedimento per fare queste deliziose tortine è completamente diverso.
Anzi, a dirla proprio tutta, questa ricetta nasce come cake dolce bi-colore, come viene mostrato sui blog di Tartine Gourmande e Cavoletto di Bruxelles, però io sono rimasta incantata dalle tortine GF che ho visto sul blog Il Ricettario di Anna, e perciò ho voluto riprodurle anch'io in cotal guisa (miiii, come mi sento aulica stamattina!).
E aggiungo che, se avevo dei dubbi su quale fosse il mio abbinamento preferito, se ciocco bianco/matcha o ciocco fondente/matcha, con queste tortine ho completamente diradato la nebbia dell'incertezza: ciocco bianco/matcha batte ciocco fondente/matcha 1 a 0!


Per dosi e procedimento, ho preso spunto un po' da tutt'e tre i blog linkati:
  • 150 g di zucchero
  • 3 uova
  • 180 g di farina
  • 1 c di lievito in polvere
  • 1 pizzico di sale
  • 120 g di burro
  • 100 g di ciocco bianco
  • 1 c colmo di polvere di té matcha
  • 50 g di pistacchi (non tostati e non salati)

Fondere il burro e il ciocco bianco in due recipienti separati. Setacciare la farina col lievito e il pizzico di sale. Tritare grossolanamente i pistacchi. Nella planetaria montare a spuma le uova con lo zucchero. Aggiungere un po' per volta il mix di farina-lievito-sale, far incorporare bene, quindi aggiungere il burro fuso mescolando fino ad assorbimento totale.
Dividere questo impasto a metà, ad una aggiungere il ciocco fuso e all'altra il matcha. Negli stampini da tortina monodose, versare una cucchiaiata di impasto bianco e una cucchiaiata di impasto verde, tenendosi a circa 1 cm sotto l'orlo. Cospargere ogni tortina con i pistacchi triturati e infornare in forno già caldo, ventilato, 160° per mezz'ora (fare la prova stecchino).



Sono assolutamente delicate e gustose, i sapori perfettamente equilibrati, a differenza dell'incontro col ciocco fondente dove questo tende a sopraffare prepotentemente il gusto più timido del matcha.
Pucciate nel cappuccino poi, queste tortine aiutano a raggiungere l'estasi!

1 commento:

  1. che dire anche solo a guardarli ti danno l'idea di quanto possano essere divini li proverò..di sicuro

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...