lunedì 25 ottobre 2010

Sformatino di patate con cuore di funghi filanti

Questi sformatini possono vagamente ricordare i muffin per la forma, ma vi posso assicurare che sono ben altra cosa ;-)
Vi confesso che faccio non poca fatica a dare loro una classificazione... antipasto caldo? secondo? contorno? ma forse è tutta fatica sprecata: perché attenersi ad una rigida schematizzazione, quando è possibile prendere questi deliziosi sformatini per quello che sono? In definitiva, una pietanza estremamente gustosa e versatile, che ben si presta ad essere proposta in svariate situazioni, lasciando a chi deve prepararli la più ampia libertà di scelta in base alle sue esigenze organizzative e di gusto. Cosa si può chiedere di più dalla vita? ;-)
La ricetta originale l'ho vista qui, e io l'ho aggiustata un po' seguendo l'estro del momento.
  • 800 gr di patate (lordi, prima della cottura)
  • 300 gr di funghi misti (ma ne basterebbero anche meno, io ho usato porcini e finferli)
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 manciata di prezzemolo tritato
  • 4 cucchiai di farina
  • 2 uova
  • 1/2 provola a dadini (o altro formaggio filante ma asciutto)
  • pangrattato, olio evo, sale, pepe bianco q.b.

Cuocere i funghi nell'olio con l'aglio passato allo schiacciaglio, oppure intero se poi preferite eliminarlo, aggiungere sale e prezzemolo a fine cottura, spegnere e tenere da parte. Cuocere le patate, intere e con tutta la buccia, in forno preriscaldato a 180° per 30-40 minuti e passarle allo schiacciapatate dopo averle sbucciate. Impastarle con le uova, la farina, il sale e il pepe bianco. Quindi ungere leggermente e cospargere di pangrattato degli stampi da savarin o da muffin, foderarli con l'impasto di patate, mettere al centro un po' di funghi e di formaggio, quindi chiudere con altre patate, spolverare col pangrattato e colare un filino sottile d'olio su ognuno. Con queste dosi a me sono usciti 8 mini-savarin, che poi sono mini per modo di dire, dal momento che 2 sono sufficienti a saziare una persona di medio appetito.
Infornare in forno caldo a 200°, io ce li ho tenuti per 20 minuti, quindi ho abbassato a 180° e li ho tenuti altri 10-15 minuti e li ho lasciati nel forno chiuso ancora per altri 5 minuti dopo aver spento.
Poiché la preparazione non è difficoltosa, ma piuttosto lunga, per non passare la mattinata in cucina io suggerisco di fare in due tempi, magari la sera prima si prepara l'impasto di patate e si cuociono i funghi, e il giorno dopo si assembla il tutto.

Sarà per la presenza dei funghi, ma mi sanno così tanto di autunnale, proprio adatti a questo periodo!

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...