mercoledì 6 ottobre 2010

Pane al mais

Fare questo pane mi ha dato una soddisfazione immensa. Ho seguito la ricetta di Francesca Spalluto che ho trovato qui, prendendomi solo la libertà di cambiare metodo di cottura, utilizzando quello nella pentola bollente di terracotta come per il no-knead bread, perché sentivo dentro di me che mi avrebbe garantito un risultato finale ben al di sopra delle mie aspettative, e così è stato.


La sera prima preparare il lievitino con:
  • 90 g di farina manitoba
  • 55 g di acqua
  • 1 gr di lievito granulare secco

e bagnare la farina di mais per reidratarla:
  • 122 g di farina di mais bramata
  • 71 g di acqua

La mattina dopo impastare:
  • il lievitino
  • 385 g di farina (metà 00 e metà manitoba)
  • 210 g di acqua
  • 1 uovo
  • la farina di mais “bagnata’
  • 1 noce di burro morbida
  • mezzo cucchiaino di lievito di birra granulare
  • 1 cucchiaino e mezzo di sale
  • 90 g di chicchi di mais (ben asciutti)

Impastare tutti gli ingredienti nell'impastatrice, tranne i chicchi di mais che verranno aggiunti solo quando l'impasto sarà ben incordato e si staccherà dalle pareti (circa 15-20 minuti dopo). Coprire e far lievitare fino al raddoppio. Scaravoltare sul piano infarinato e dargli un paio di folding. Lasciar riposare 10-15 minuti, quindi riprendere l'impasto e dargli un altro folding, avvolgerlo in un canovaccio ben infarinato e far lievitare fino al raddoppio.


Accendere il forno a 250° e mettervi a scaldare una pentola di terracotta (o di pirex, o comunque una pentola da forno antiaderente) con coperchio. Quando il forno arriva a temperatura, scaravoltarvi dentro l'impasto, coprire e far cuocere 30 minuti col coperchio, 15 minuti senza e 5 minuti fuori dalla pentola, direttamente sulla gratella.



Ancora tiepido e con un filo d'olio evo sopra, è pura libidine!!!

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...