lunedì 20 settembre 2010

Danish Tea Ring

Questo è uno dei lievitati più buoni che abbia mai mangiato (e prodotto). La ricetta la ebbi da una mia collega italo-sudafricana, era tutta in inglese e tradurla in italiano è stata una delle cose migliori che abbia fatto nella mia vita!



Ingredienti per l'impasto
  • 15 g di lievito di birra fresco
  • 200 ml di latte tiepido
  • 5 ml di zucchero Zefiro
  • 225 g di farina manitoba
  • 200 g di farina 00
  • 5 ml sale
  • 50 g di margarina (io ho usato il burro)
  • 25 g di zucchero Zefiro
  • 1 uovo
Ingredienti per il ripieno
  • 100 g di mandorle tritate molto finemente, ma non ridotte in farina
  • 100 g di zucchero Zefiro
  • 5 ml di cannella in polvere
  • 1 arancia
  • 1 uovo
  • 25 g di mandorle in scaglie
Ingredienti per decorare
  • 150 ml di zucchero a velo
  • 12,5 ml di succo d'arancia
  • scaglie di mandorle tostate



Fase 1: preparazione impasto Preparate il lievitino mescolando il lievito col latte e i 5 ml di Zefiro, aggiungere 125 g di farina, mescolare fino a formare una pastella liscia e morbida, coprire e mettere a lievitare per circa 30 minuti. Nella ciotola dell'impastatrice mettete i restanti 300 g. di farina, il sale, il burro a pezzi e i 25 g di Zefiro e mescolate. Sbattete l'uovo e aggiungetelo al lievitino che nel frattempo si è gonfiato, mescolate bene e versate anche questo nella ciotola. Mettete in moto la frusta a gancio e fate impastare per 15-20 minuti a bassa velocità, finché l'impasto non si stacca dalle pareti. Se dopo 15 minuti vedete che l'impasto non s'incorda, aggiungete ancora poca farina per volta, diciamo quella che verrebbe usata per infarinare il ripiano se uno dovesse impastare a mano. Coprite l'impasto e mettete a lievitare in un luogo caldo fino al raddoppio. Fase 2: preparazione ripieno Grattugiate la buccia dell'arancia e spremetela. In una ciotola sbattete l'uovo con una frusta a mano, incorporate le mandorle tritate, i 100 g di Zefiro, la cannella, la buccia grattugiata dell'arancia, quello che rimane del succo dopo aver tolto i 12,5 ml che servono per la glassa e le scaglie di mandorle. Mescolate bene il tutto. Fase 3: formazione del "ring" Riprendete l'impasto lievitato, pesatelo e dividetelo in due. Stendete una della due parti in un rettangolo e spalmateci sopra una metà del ripieno, tenendovi a circa 2 cm dal bordo, arrotolate dal lato più lungo e formate il salsicciotto. Chiudere le estremità. Ripetete l'operazione con l'altra metà dell'impasto. Intrecciate i due salsicciotti e disponete questa specie di treccia in uno stampo da ciambellone imburrato e cosparso di Zefiro. Coprite e mettete a lievitare in un luogo caldo fino al raddoppio. Scaldate il forno a 200° e mettete a cuocere per 40 minuti circa. Io, dopo 10 minuti, ho dovuto abbassare il forno a 180° perché si stava colorendo troppo in fretta. Gli ultimi 10 minuti l'ho coperto con un foglio d'alluminio. Fase 4: decorazione Sformate il dolce e lasciatelo raffreddare su una gratella. Preparate la glassa mescolando il succo d'arancia con lo zucchero a velo, spennellatela sul dolce freddo e cospargete con le scaglie di mandorle tostate.


Questo dolce lievitato è un tripudio di sapore e profumo, già mentre sta cuocendo in forno, gli effluvi di arancia e cannella che si spandono per casa preannunciano la soffice e aromatica libidine che sta per deliziare il nostro palato.
Direi che sia già passato troppo tempo dall'ultima volta che l'ho fatto... sì, è decisamente ora di replicare!

2 commenti:

  1. Tu lo sai vero che questo è il mio preferito?? E' poesia allo stato puro.. Anche la cucina ringrazia mentre lo preparo, perchè profuma incredibilmente ;-)

    RispondiElimina
  2. Essì che lo so, e ogni volta che lo vedo dico che devo rifarlo, solo che poi la curiosità di provare cose nuove ha sempre il sopravvento...

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...